La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Tempo di lettura 3 Minuti Tempo di lettura 3 Minuti
Creato il 12.11.2018 | Aggiornato al 10.11.2020

Allestire un budget in modo semplice: cinque consigli per la pianificazione del budget

Una volta sottratte tutte le spese dalle vostre entrate, quanto denaro vi rimane? Pianificando il budget potete avere una panoramica delle vostre finanze. Grazie a questi cinque semplici consigli potete migliorare in modo mirato il vostro budget.

Perché pianificare il budget?

È molto semplice: avete entrate e uscite. Solamente se le entrate sono superiori alle uscite rimane qualcosa per risparmiare, per realizzare un desiderio o effettuare un investimento interessante. Ma siamo onesti: non dovremmo mettere da parte denaro solo per desideri e sogni. Avere delle riserve è utile per essere pronti in caso di spese impreviste, per pagare le imposte e per garantire una copertura finanziaria a lungo termine del pensionamento.

Pianificando il budget potete avere una panoramica delle vostre finanze e scoprire dove spendete inutilmente e magari potreste risparmiare ancora di più.

Quando si pianifica il budget capita spesso di perdere la visione d’insieme. Ma pianificare il budget non è per nulla complicato. Ecco come fare in cinque passaggi.

Fase 1: tre regole generali di base

Prima di intraprendere la pianificazione concreta, in una prima fase considerate queste tre regole di base generali per strutturare il vostro budget.

  • Circa il 60% delle entrate  va destinato a spese fisse mensili (abitazione, tasse e imposte, cassa malati).
  • Le spese per l’abitazione non dovrebbero eccedere un terzo del reddito disponibile.
  • Per l’acquisto di prodotti alimentari si dovrebbero preventivare 350 franchi al mese per un adulto e la metà per un bambino.

Fase 2: Elencate le vostre entrate

Potete utilizzare un template Excel scaricato da internet, creare voi stessi una tabella Excel o rappresentare il budget in un altro modo. Indipendentemente da quello che scegliete, l’importante è che la rappresentazione funzioni per voi.

I dati necessari relativi alle vostre entrate sono disponibili nelle distinte di paga o nella vostra ultima dichiarazione fiscale. Le vostre entrate includono il vostro stipendio o la vostra rendita, ma anche sussidi statali, rendimenti da interessi o capitale, redditi da locazione e altre entrate regolari.

Fase 3: Elencate le vostre spese

Oltre alle spese mensili, tenete conto anche di quelle che dovete sostenere solo una volta l’anno, ogni sei mesi o ogni trimestre, come ad esempio i premi assicurativi, l’abbonamento metà-prezzo e le imposte. Controllate anche i vostri estratti conto e i conteggi delle carte di credito. Attualmente alcune banche offrono inoltre assistenti finanziari automatizzati , come ad esempio PostFinance con il suo e-cockpit, che vi permettono di avere rapidamente una panoramica delle vostre finanze. 

Fase 4: Redigete una lista il più completa possibile del vostro budget familiare

Nel pianificare il budget pensate anche ai costi fissi che non pagate mensilmente, come la manutenzione dell’auto, eventuali visite mediche o vacanze, e nella vostra pianificazione personale calcolate quanto dovreste mettere da parte mensilmente per sostenerli.

Fase 5: Sottraete le vostre spese dalle vostre entrate

Se risulta una cifra negativa, controllate per ogni voce di spesa se sussiste un potenziale di risparmio e rifate il calcolo. Nell’articolo «Le spese inutili che potete tenere sotto controllo con un budget» trovate alcuni spunti in proposito. Soltanto se risulta un’eccedenza potete accantonare delle riserve e affrontare con serenità eventuali imprevisti (ad es. multe, infortuni, casi di emergenza in famiglia) e risparmiare per realizzare i vostri desideri e sogni.

Inizio anno: tempo di budget e di maggiori risparmi

Allestire un budget è dispendioso, ma per la vostra situazione finanziaria ne vale la  pena. Per le clienti e i clienti PostFinance, lo strumento più semplice per stilare un budget è e-cockpit. Potete risparmiare ulteriormente con un e-salvadanaio, un (e-)conto di risparmio e un conto previdenza 3a.

  • E-cockpit rileva tutte le transazioni e le suddivide in categorie predefinite. Con un click del mouse potete vedere in qualsiasi momento quanto avete speso per le singole voci del vostro budget: e-cockpit le rappresenta personalmente per voi sotto forma di diagramma a torta. Così saprete sempre quanto denaro vi rimane per il mese in corso. Inoltre, con la ricerca testo integrale, potete trovare e rinominare rapidamente tutte le vostre spese e definire obiettivi di risparmio. Non appena li avrete raggiunti,  potete farvi inviare una notifica via e-mail o SMS.

  • Create il vostro e-salvadanaio. In questo modo è possibile fare qualche economia, senza che ciò diventi un peso: ogni volta che effettuate un pagamento con la vostra PostFinance Card, l’importo addebitato viene automaticamente arrotondato, a vostra scelta, al franco o ai 10 franchi successivi. La rispettiva differenza di arrotondamento può essere accreditata su uno dei vostri conti. In questo modo, mettete da parte regolarmente un importo.

  • Attivate un ordine permanente dal vostro conto privato al vostro (e-)conto di risparmio. In questo modo risparmiate in modo regolare e non dovete ricordarvi di spostare ogni mese il denaro dal vostro conto privato al vostro (e-)conto di risparmio. Gli interessi dei conti di risparmio sono più elevati di quelli dei conti privati. Il momento migliore per versare l’importo di risparmio è appena dopo aver ricevuto il versamento del salario.

  • Con la previdenza vincolata (pilastro 3a) costituite il vostro patrimonio per la pensione e beneficiate di privilegi fiscali. I lavoratori con cassa pensioni LPP possono versare ogni anno fino a 6’768 franchi per la loro pensione, i lavoratori autonomi il 20% del loro reddito da lavoro fino a un massimo di 33’840 franchi all’anno (stato: 2018). Il denaro versato può essere dedotto dal reddito imponibile. Sull’avere di previdenza non si paga nessuna imposta sulla sostanza e i proventi da interessi e il rendimento da capitale sono esenti dall’imposta sul reddito e dall’imposta preventiva. A complemento o in alternativa al deposito su conto a reddito fisso potete decidere di investire il vostro capitale completamente o parzialmente in fondi di previdenza. In questo modo non solo provvedete alla vostra pensione, ma beneficiate dell’effetto degli interessi composti.

La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo

Altri argomenti che potrebbero interessarvi