Il nostro posizionamento: le quotazioni basse non rappresentano ancora un’occasione di acquisto

Continuiamo a concentrare l’orientamento dei nostri portafogli sulla riduzione dei rischi. Finché l’entità delle conseguenze delle misure adottate per contrastare il coronavirus non potrà essere stimata con più precisione, consigliamo ai nostri clienti di non considerare le quotazioni borsistiche crollate negli ultimi giorni come un’occasione d’acquisto.

Il coronavirus non domina solo la scena pubblica, l’economia e la vita domestica: è anche fonte di panico sui mercati finanziari. I crolli delle quotazioni degli ultimi giorni appartengono ai più grandi crolli dei prezzi nella storia del mercato azionario. L’ultima volta che si è registrato un crash così repentino in borsa era il 1987.

Le perdite maggiori si sono registrate per gli investimenti in azioni. Le perdite sul mercato azionario svizzero sono state leggermente inferiori che sui mercati di altri paesi industrializzati, ma ultimamente i mercati finanziari hanno fatto poche differenze, e quasi tutte le classi d’investimento sono finite nel vortice di uno scambio all’insegna del panico. Così, di recente anche gli investimenti in obbligazioni e oro hanno perso un po’ del loro valore. Tipicamente, questi ultimi si apprezzano se i corsi azionari subiscono forti crolli.

Nelle ultime settimane, la compravendita automatizzata e gli acquisti in borsa effettuati a credito potrebbero aver amplificato i forti contraccolpi sulle borse, ma a scatenare questi movimenti straordinari del mercato è stata senz’altro la diffusione del coronavirus in Europa e negli USA. In questo modo, i timori che avevamo già espresso a gennaio a proposito del pericolo rappresentato dal virus per l’economia mondiale hanno trovato conferma. Sebbene nemmeno noi potessimo prevedere che la crisi avrebbe assunto dimensioni di questa portata, il nostro posizionamento cauto degli ultimi mesi si è rivelato corretto. Concretamente, a gennaio e febbraio abbiamo gradualmente ridotto gli investimenti in azioni e aumentato la quota di obbligazioni statali dei paesi industrializzati.

Il crollo congiunturale cinese come anteprima

Consigliamo ai nostri clienti di aspettare ad acquistare azioni fino a quando non sarà più semplice fare una stima dell’entità delle conseguenze delle misure di emergenza. Come anche in Svizzera, nella maggior parte dei paesi queste misure di emergenza sono in vigore solo da poco. Gli Stati Uniti, la più importante economia dal punto di vista dei mercati finanziari, hanno davanti a sé un cammino ancora più lungo. Gli effetti sulle singole imprese e i singoli settori si acuiranno sensibilmente nelle prossime settimane.

Dalla Cina ci arriva un assaggio dell’entità delle conseguenze: ad esempio, nella prima settimana di febbraio Apple ha chiuso tutti i negozi in Cina e li ha riaperti settimana scorsa, ossia dopo sei settimane. Pertanto non stupisce che nei primi due mesi dell’anno tutte le vendite al dettaglio in Cina abbiano registrato un crollo del 20% rispetto all’anno precedente.

Le nostre valutazioni prudenti degli ultimi mesi si sono rivelate corrette.

Continuiamo a concentrarci sulla riduzione dei rischi

In ragione delle nostre valutazioni congiunturali pessimiste, al momento continuiamo a ridurre la quota di azioni. Inoltre, questo mese abbiamo operato un ulteriore adeguamento dei nostri portafogli: a causa del forte crollo dei prezzi delle materie prime e in particolare di quelli del petrolio, abbiamo deciso di ridurre la sovraponderazione di obbligazioni dei paesi emergenti. Circa un terzo delle obbligazioni denominate in dollari americani nei mercati emergenti proviene da paesi esportatori di energia. A causa del forte calo del prezzo del petrolio dall’inizio dell’anno, la posizione budgetaria di alcuni paesi, e con essa la loro solvibilità, potrebbero offuscarsi.

Evoluzione del valore delle classi d’investimento

Valute 1 mese in CHF YTD in CHF
Valute
EUR
1 mese in CHF
-0,8%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF

-2,8%

Valute
USD
1 mese in CHF
-3,5%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-2,4%
Valute
JPY
1 mese in CHF
1,5%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
1,3%

Azioni 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Azioni
Svizzera
1 mese in CHF
-24,1%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-21,0%
1 mese in VL Valuta locale

-24,1%

YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-21,0%
Azioni
Mondo
1 mese in CHF
-29,4%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-26,2%
1 mese in VL Valuta locale
-27,0%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-24,6%
Azioni
USA
1 mese in CHF
-29,0%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-24,6%
1 mese in VL Valuta locale
-26,6%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-23,0%
Azioni
Zona euro
1 mese in CHF
-33,8%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-32,6%
1 mese in VL Valuta locale
-33,5%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-30,9%
Azioni
Gran Bretagna
1 mese in CHF
-33,9%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-34,8%
1 mese in VL Valuta locale
-29,8%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-30,0%
Azioni
Giappone
1 mese in CHF
-21,3%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-20,9%
1 mese in VL Valuta locale
-22,0%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-21,6%
Azioni
Paesi emergenti
1 mese in CHF
-22,9%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-22,3%
1 mese in VL Valuta locale
-20,3%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-20,6%

Obbligazioni 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Obbligazioni
Svizzera
1 mese in CHF
-0,5%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
1,1%
1 mese in VL Valuta locale

-0,5%

YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
1,1%
Obbligazioni
Mondo
1 mese in CHF
-2,4%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-0,8%
1 mese in VL Valuta locale
1,2%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
1,6%
Obbligazioni
Paesi emergenti
1 mese in CHF
-14,3%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-11,6%
1 mese in VL Valuta locale
-11,4%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-9,7%

Investimenti alternativi 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Investimenti alternativi
Immobili Svizzera
1 mese in CHF
-9,3%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
-2,8%
1 mese in VL Valuta locale

-9,3%

YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
-2,8%
Investimenti alternativi
Oro
1 mese in CHF
-2,9%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in CHF
1,4%
1 mese in VL Valuta locale
0,6%
YTD Year to date: dall’inizio dell’anno in VL Valuta locale
3,9%

Il nostro posizionamento Focus Svizzera

Liquidità Vecchia TAA Nuova TAA
Liquidità
CHF
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
7,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
13,0%
Liquidità
JPY
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Liquidità
Totale
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
9,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
15,0%

Azioni
Vecchia TAA Nuova TAA
Azioni
Svizzera
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
28,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
26,0%
Azioni
USA
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
8,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
6,0%
Azioni
Zona euro
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Azioni
Gran Bretagna
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Azioni
Giappone
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Azioni
Paesi emergenti
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
2,0%
Azioni
Totale
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
44,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
40,0%

Obbligazioni Vecchia TAA Nuova TAA
Obbligazioni
Svizzera
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
13,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
13,0%
Obbligazioni
Mondo
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
14,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
14,0%
Obbligazioni
Paesi emergenti
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
8,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
6,0%
Obbligazioni
Totale
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
35,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
33,0%

Investimenti alternativi Vecchia TAA Nuova TAA
Investimenti alternativi
Immobili Svizzera
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
5,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
5,0%
Investimenti alternativi
Oro
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
7,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
7,0%
Investimenti alternativi
Totale
Vecchia TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
12,0%
Nuova TAA Asset Allocation tattica: orientamento a breve e medio termine
12,0%
La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo