La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 5 Minuti Tempo di lettura 5 Minuti
Creato il 12.12.2018

Mangiare sano e nonostante tutto risparmiare: sei consigli per una buona dispensa

Mangiare in modo conveniente, ma ciononostante sano non è una cosa impossibile. Verdura fresca, bio & co.: ora ce n’è per tutte le tasche. Per il vostro portafoglio l’importante è soprattutto che cosa fate con gli alimenti dopo l’acquisto.

Per risparmiare denaro esistono un paio di semplici consigli e suggerimenti. Si inizia dalla pianificazione della spesa, dalla scelta e dalla conservazione degli alimenti. Una dispensa organizzata è un’ottima base per mangiare in modo sano e conveniente.

Seguite il principio: cucinare a casa invece che mangiare fuori

Da un’Il link si apre in una nuova finestra indagine dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria sulle abitudini nutrizionali in Svizzera è risultato che la maggior parte degli svizzeri spende molto per mangiare e andare al ristorante. In particolare, oltre il 70% degli intervistati pranza fuori. Mangiare al ristorante più volte a settimana non è decisamente economico e grava quindi sul conto.

Un’alternativa più conveniente e di solito anche più sana è cucinare a casa. Con il giusto metodo, è possibile risparmiare sin dalla spesa. Ad esempio, riflettendo esattamente su cosa si desidera acquistare. In questo modo non si corre il rischio di comprare alimenti costosi di cui magari non si ha bisogno. Facendo un’unica spesa una o due volte alla settimana si può persino risparmiare. Mentre uscire ogni giorno per acquistare piccole cose porta a spendere di solito di più di quello che si vuole in realtà.

Una buona dispensa permette di risparmiare un sacco di soldi

Anche la modalità di conservazione dei cibi acquistati può influire sul vostro budget. Infatti, i cibi buttati via sono i più cari. Vale la pena investire in una buona dispensa. Così facendo i cibi si conservano più a lungo e voi risparmiate sul budget familiare. Un’alimentazione sana è importante, ma non deve essere necessariamente cara. È possibile anche senza acquistare prodotti costosi o rinunciare alla qualità. L’importante è ciò che si fa con il cibo dopo averlo acquistato. Di seguito trovate sei consigli di risparmio che vi aiuteranno in famiglia e nella vita di tutti giorni.

Suddividere: classificate gli alimenti

Dopo la spesa bisogna classificare gli alimenti. Si distingue tra alimenti freschi come carne, pesce e latte e alimenti a lunga conservazione come riso, pasta, conserve, zucchero e sale. Gli alimenti freschi dovrebbero essere acquistati regolarmente perché non si possono conservare a lungo. Ogni famiglia ha bisogno di cibi a lunga conservazione. Questi dovrebbero essere acquistati solo all’occorrenza, senza spendere troppo. Proprio perché si possono conservare a lungo, vale la pena aspettare offerte convenienti. Questo permette di risparmiare e di utilizzare quel denaro per altro.

Consiglio per risparmiare

Acquistare in grandi quantità alimenti a lunga conservazione, come ad esempio il sale, per risparmiare denaro.

Dispensa: conservate gli alimenti in un luogo fresco e asciutto

La dispensa ideale è illuminata per esempio da una finestra o da luci LED, è fresca e asciutta. Solo così i cibi si conserveranno a lungo. Le patate, per esempio, si possono conservare a lungo in un luogo fresco e asciutto. Per facilitare la quotidianità, la dispensa dovrebbe trovarsi vicino alla cucina, in modo da risparmiare tempo nella preparazione delle pietanze.

Consiglio

Nelle case costruite di recente verificare se la cantina è riscaldata. In caso affermativo, essa non si addice alla conservazione degli alimenti.

Conservazione: separare frutta e verdura

Nella dispensa vanno riposti gli alimenti che devono essere conservati in un luogo fresco e buio. Frutta e verdura fresche andrebbero conservate separatamente. La frutta assorbe infatti molto velocemente l’odore di cipolle e patate. Inoltre accelera la maturazione della verdura.

I frigoriferi sono divisi in zone diverse. Lo scomparto al di sopra della verdura è il più fresco: qui è meglio conservare carne, salumi e pesce. La parte centrale è adatta a formaggi e latticini, la parte superiore ad alimenti pronti e le ante a burro e uova.

Contenitori: scegliete il materiale giusto

Ogni buona dispensa dispone di ripiani in cui possono essere riposti barattoli di conserva, vasetti, cestini e contenitori di plastica. Frutta e verdura fresche non dovrebbero essere riposte in modo sparso, ma conservate in cestini. Anche gli altri alimenti possono essere conservati con altri prodotti simili in scatole o ceste, invece che in confezioni sfuse. Le bevande dovrebbero altresì trovare posto nella dispensa. In questo modo tutti i prodotti a lunga conservazione vengono riposti in un unico luogo, in modo da avere sempre una visione generale delle scorte disponibili.

Consiglio

Nei negozi più grandi ci sono sempre offerte convenienti per vasi da conserva. Anche i vecchi barattoli di Nutella o marmellata si possono facilmente riutilizzare. Risparmierete così senza troppa fatica.

Data di scadenza: controllatela regolarmente

I cibi buttati via sono i più cari. Controllate pertanto in ogni caso la data di scadenza una volta a settimana. In questo modo manterrete la visione d’insieme e potrete consumare i cibi per tempo. Di solito gli alimenti si possono consumare anche oltre la data di scadenza indicata. In questo caso siate però prudenti. Consumate sempre per primi gli alimenti che avete comprato in precedenza. I cibi appena acquistati andrebbero sempre conservati dietro quelli già presenti in casa.

Pianificazione della dispensa e app: fate una lista di quello che conservate

Annotate il vostro inventario di casa. Questo vi permetterà non solo di risparmiare denaro, ma anche tempo nella stesura della lista della spesa. Saprete così quando è necessario ricomprare la pasta e non vi porterete a casa l’ennesimo pacco, spendendo inutilmente denaro. A tal proposito esistono svariate app che possono facilitare la vita di tutti i giorni: ad esempio l’app «Il link si apre in una nuova finestra My Inventory» che permette di registrare e classificare gli alimenti. In un colpo d’occhio si visualizzano così gli alimenti già presenti in casa, la loro data di scadenza e per quanto ancora si possono conservare.

Se seguirete tutti e sei i suggerimenti, risparmierete denaro e avrete contemporaneamente un’alimentazione sana. La vostra dispensa sarà inoltre sempre ben fornita. A beneficio non solo del budget familiare, ma anche dell’ambiente. Infatti, lo spreco di cibo è un problema da non sottovalutare, che può essere ridotto con un po’ di impegno da parte di ognuno.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi