La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 5 Minuti Tempo di lettura 5 Minuti
Creato il 06.05.2019 | Aggiornato al 11.06.2019

11 consigli per la vostra sicurezza su internet

«Big Data» è probabilmente la parola chiave del nostro secolo, una parola chiave cui non manca tuttavia una connotazione un po’ spiacevole. Quando si parla di Big Data, infatti, è inevitabile porsi questa domanda: quanto sono sicuri tutti i dati che girano ormai nella rete? Esiste ancora una sfera privata in un mondo digitalmente interconnesso e come è possibile tutelarla? Simili domande sono imprescindibili soprattutto nel settore finanziario.

La sicurezza su internet diventa sempre più importante con l’aumentare delle nuove tecnologie utilizzate e delle transazioni effettuate elettronicamente in cui forniamo i nostri dati. Esistono molteplici app, programmi e addirittura oggetti come frigoriferi, orologi e altre dispositivi dell’«internet delle cose» che sono in possesso dei nostri dati ed effettuano acquisti per conto nostro. In un mondo sempre più interconnesso, occorre prestare attenzione ad alcuni aspetti, soprattutto se sono in gioco i nostri dati finanziari. A cosa bisogna prestare attenzione in termini di sicurezza online? Come si possono salvaguardare i dati finanziari sensibili?

Grazie a questi undici consigli aumenterete il vostro livello di sicurezza in rete

Consiglio 1 – Password sicura

Per quanto possa sembrare scontato, il primo suggerimento di utilizzare una password sicura non deve essere sottovalutato. Si possono fare molti errori quando si tratta di scegliere una password sicura. Un esempio è utilizzare sempre la stessa password o non cambiarla mai. Se si dispone di una «buona password», si è già a metà dell’opera quanto all’obiettivo di muoversi online in tutta sicurezza. Più le vostre password sono lunghe e complesse, tanto più sicuro sarà l’accesso alla posta elettronica, all’e-banking e via di seguito. Non utilizzate dunque mai la stessa password in due luoghi diversi. Il concetto da ricordare è questo: per ogni login ci vuole una password diversa. È inoltre consigliabile formulare delle frasi per utilizzarne soltanto le lettere iniziali e le cifre. Così sarà più facile ricordare la password anche se complicata. Si prestano bene allo scopo anche le cosiddette passphrase, delle password che non sono composte da singole parole bensì da intere frasi e che come tali rendono enormemente più sicuri i login.

Consiglio 2 – Password Manager

Per mantenere la visione d’insieme di tutte le vostre password è consigliabile lavorare con un programma di gestione delle password (Password Manager). In questo modo, dovrete ricordare solo una password anziché molte. Ogni password viene memorizzata in una banca dati codificata dove, in base all’app, la password viene anche generata. Nel caso in cui ciò non sia possibile, potete anche lavorare con un generatore di password che crea le password in modo totalmente casuale. Potete avvalervi a tal fine anche di molti operatori gratuiti. Anche per i Password Manager esistono numerose app, come ad esempio KeePass e KeePassX oppure soluzioni a pagamento come  LastPass o 1Password. Un ulteriore vantaggio di questi sistemi è che le password possono essere molto più complesse in quanto non siete tenuti a ricordarle. Così il rischio che qualcuno possa rubarvi la password si riduce sempre di più.

Consiglio 3 – Cancellare i dati di navigazione

Probabilmente ogni giorno visitate svariati siti web. In questo modo, su qualche server si accumulano facilmente alcune informazioni sul vostro comportamento come utente. Per tale ragione, non dimenticate di cancellare regolarmente i dati di navigazione e i cookie. Così coprirete fino a un certo punto le tracce lasciate in rete, a tutto beneficio della vostra sicurezza online.

Consiglio 4 – Modalità privata

Attivando la modalità di navigazione privata impedite ai siti web di tracciare i vostri movimenti, cosa che avviene di regola con i cookie. Quasi tutti i browser classici dispongono di una modalità privata. In Google Chrome si chiama ad esempio finestra di navigazione in incognito, ma opzioni analoghe sono offerte anche da Firefox, Opera e Internet Explorer. 

Consiglio 5 – Link

Mostrate sempre una certa cautela con i link ricevuti nelle e-mail o sui social network. Gli URL dell’e-banking dovrebbero sempre essere immessi manualmente per avere la certezza di arrivare alla pagina desiderata. Gli attacchi informatici sono molto frequenti soprattutto nel settore finanziario. 

Consiglio 6 – URL cifrati

Quando sono in gioco informazioni confidenziali, dovreste sempre assicurarvi che la connessione sia cifrata. Come fare? Se l’URL inizia con «https» e appare il simbolo di un piccolo lucchetto accanto all’indirizzo, allora la connessione è cifrata. Dal punto di vista della sicurezza informatica o cyber security, questi siti web offrono un grado di sicurezza notevolmente superiore rispetto ai siti senza una «s» dopo «http».

Consiglio 7 – Utilizzare dispositivi personali

È indifferente se effettuate l’accesso all’e-banking sul vostro laptop oppure tramite il vostro smartphone o tablet: il punto principale è che si tratta di un vostro dispositivo personale e non, ad esempio, di un PC accessibile a tutti. Non lasciate in giro il vostro laptop incustodito e attivate la protezione tramite password, anche se fate solo un salto a bere un caffè.

Consiglio 8 – Protezione dei dispositivi

In caso di smarrimento o furto del vostro smartphone, laptop o di uno dei vostri dispositivi, dovete assolutamente cancellare tutti i dati. Questa operazione può essere svolta da remoto se il dispositivo è collegato a internet. Dopo un simile incidente è consigliabile inoltre ripristinare tutte le password. Può anche essere infatti che i vostri dati di accesso siano ancora memorizzati da qualche parte. Se create una nuova password, non mancate di prendere in considerazione i consigli relativi a una password sicura che trovate all’inizio dell’articolo.  

Consiglio 9 – Eseguire gli aggiornamenti

Anche se è laborioso eseguire gli aggiornamenti software, la vostra sicurezza ne trae decisamente beneficio. Spesso, infatti, gli aggiornamenti pongono rimedio a falle riscontrate nella sicurezza oppure a errori. Installando gli aggiornamenti più recenti in genere si può navigare più sicuri. Le aziende tecnologiche considerano i cosiddetti «sistemi senza patch» – termine tecnico con cui si indica il mancato aggiornamento dei sistemi stessi – una delle cause principali degli attacchi informatici. Il presupposto a tal fine è ovviamente anche che il produttore metta a disposizione opportuni aggiornamenti. Nel caso in cui doveste rendervi conto ad esempio che è passato un bel po’ di tempo dall’ultimo aggiornamento automatico del vostro smartphone Android, verificate se non è possibile aggiornarlo in altro modo. 

Consiglio – 10 Evitare le reti pubbliche

Quando siete connessi a una rete pubblica, è meglio evitare le seguenti attività:

  • Consultare la posta elettronica o salvare il vostro indirizzo e-mail per il login
  • Effettuare acquisti online
  • Accedere all’e-banking o, in generale, accedere dovunque con una password

Consiglio 11 – Programmi antivirus

Soprattutto chi non utilizza dispositivi iOS dovrebbe installare e aggiornare regolarmente un programma antivirus.

Per quanto pratica e meravigliosa possa essere, la rete comporta anche dei rischi, in particolare per la sicurezza dei dati personali. Chi naviga con accortezza nella rete seguendo questi consigli può proteggersi in maniera efficace. Potete trovare ulteriori informazioni in proposito nella nostra pagina sul tema della sicurezza.

Per PostFinance la vostra sicurezza ha la massima priorità. Perché PostFinance si fa carico di eventuali danni fino a un ammontare di 100’000.– franchi. Per saperne di più sulla copertura danni visitate la nostra pagina sul tema e-finance a PostFinance.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi