La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 2 Minuti Tempo di lettura 2 Minuti
Creato il 28.08.2019

Strategia dei dividendi: perché conviene

Nell’attuale contesto di bassi tassi di interesse, le azioni con dividendi elevati offrono interessanti opportunità di rendimento. Di conseguenza, negli ultimi anni la distribuzione degli utili di società solide e redditizie è diventata un importante incentivo di acquisto per alcuni investitori.

In tempi in cui i conti di risparmio non fruttano quasi alcun interesse e le obbligazioni con un’elevata solvibilità offrono solo basse opportunità di rendimento, molti investitori accarezzano l’idea di azioni con alti dividendi. Per questi investitori, la «stagione dei dividendi» inizia in primavera: la presentazione dei risultati dell’esercizio annuale e le assemblee generali del primo e del secondo trimestre sono determinanti per la distribuzione dei dividendi, che di norma vengono corrisposti agli azionisti fino alla fine del secondo trimestre. In questa fase, i titoli che possono offrire un alto rendimento spesso registrano un aumento di quotazione in borsa. Ciò è direttamente collegato al pagamento dei dividendi.

Il rendimento del dividendo fa aumentare la quotazione

I dividendi vengono di norma versati il giorno successivo all’assemblea generale. In tale data vengono commerciati i titoli «ex dividendo». Ciò significa che la quotazione viene ridotta dell’intero importo di distribuzione. Per consentire agli investitori di riconoscere immediatamente questi titoli in borsa, le quotazioni riportano il suffisso «exDiv» o «xD». I titoli azionari forti solitamente compensano questa differenza settimane o mesi dopo l’avvenuto pagamento. Gli investitori che contano su un rapido recupero delle quotazioni azionarie possono acquistarle il giorno prima della distribuzione degli utili, incassare il dividendo e rivendere le azioni dopo la ripresa delle quotazioni. Nel caso di azioni in cui gli investitori si aspettano un elevato rendimento dei dividendi, la quotazione a volte aumenta settimane o mesi prima del giorno di distribuzione a causa dell’elevata domanda. 

Pagamenti di dividendi: interessanti anche sotto il profilo fiscale

Non solo la distribuzione degli utili in sé, ma anche i suoi aspetti fiscali rendono le azioni con alto dividendo ambite dagli investitori: dopo l’entrata in vigore della riforma dell’imposizione delle imprese del 2008, i rimborsi delle riserve di capitale  di una società sono esentati dalle imposte preventive e sul reddito. Ulteriori informazioni sulla corretta tassazione dei redditi da investimento sono riportati nell’articolo «Come tassare i ricavi sugli investimenti».

Trovare le giuste azioni con dividendi

Non è facile individuare quali società offrono proventi da dividendi particolarmente sostenibili. È pericoloso, ad esempio, concentrarsi esclusivamente sul rendimento dei dividendi: dopo tutto, possono anche avere una prestazione particolarmente elevata a causa di un forte abbassamento delle quotazioni, occorso in precedenza. Perciò è importante considerare anche l’andamento storico dei dividendi di una società. Per quanti anni o decenni i dividendi sono stati regolarmente corrisposti? E in che misura?

Valutare le società e i loro indici

Chiunque intenda valutare seriamente l’opportunità di ricevere dividendi elevati nel lungo termine, dovrebbe esaminare attentamente la società e i suoi indici. Tra questi figurano il rendimento del capitale proprio, un buon «Free cash flow», un bilancio costantemente solido, una gestione stabile, un modello di business sostenibile e un buon posizionamento a lungo termine nel contesto competitivo del settore. Coloro che desiderano altresì valutare se la società ha il potenziale per aumentare i dividendi negli anni a venire, dovrebbero inoltre seguire la politica dei dividendi e la strategia aziendale.

Gli investitori che perseguono strategie di distribuzione dei dividendi e desiderano sostituire i tassi d’interesse poco interessanti delle obbligazioni con azioni con alto dividendo devono tuttavia essere in grado di accettare oscillazioni di corso più forti rispetto, ad esempio, alle obbligazioni. L’opzione migliore è quella di acquistare azioni di società che sono costantemente redditizie e che vantano per molti anni una buona politica dei dividendi. Queste azioni con elevati rendimenti dei dividendi sono generalmente meno volatili e quindi meno soggette a fluttuazioni rispetto alle loro controparti con una distribuzione degli utili inferiore.

Dividendi come interessante opzione d’investimento

I dividendi possono venire in aiuto agli investitori in periodi di bassi tassi di interesse reali, offrono vantaggi fiscali se il pagamento proviene dalle riserve di capitale e apportano anche una certa stabilità al portafoglio. Se si desidera investire concentrandosi sui dividendi, tuttavia, è necessario effettuare un’analisi dettagliata della società per poter valutare con certezza se l’investimento nei titoli desiderati è vantaggioso e se il pagamento dei dividendi è plausibile anche in futuro. Per gli investitori interessati ci sono anche altre opzioni, come l’investimento in fondi azionari che offrono come universo d’investimento delle azioni di società con elevati proventi da dividendi. 

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi