La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 5 Minuti Tempo di lettura 5 Minuti
Creato il 03.04.2019

Incominciare a investire fin da giovani

Sono in molti a commettere l’errore di cominciare a investire troppo tardi. Eppure l’età dai 20 ai 30 anni rappresenta un periodo particolarmente interessante per investire il proprio denaro. Con un orizzonte d’investimento particolarmente lungo si aprono, inoltre, anche opportunità d’investimento particolarmente accattivanti. I seguenti quattro punti chiave possono esservi d’aiuto.

Proprio tra i 20 e i 30 anni emergono numerose opportunità che possono sembrare prioritarie rispetto al tema degli investimenti: una formazione o un corso di perfezionamento, viaggiare, fare carriera, godersi la vita, togliersi qualche sfizio materiale... Soprattutto chi incomincia per la prima volta a guadagnare aspira spesso a realizzare subito i propri sogni, prima di investire in fondi o azioni. Da una parte questo aspetto è sicuramente importante: prima di lanciarsi nel mondo degli investimenti, infatti, si dovrebbe puntare a investire nella propria formazione, a provvedere al proprio sostentamento o a mettere da parte risparmi per giorni meno favorevoli. E, naturalmente, togliersi di tanto in tanto qualche sfizio. 

Chi prima investe meglio alloggia

Tuttavia, spesso i più giovani pensano anche che si debba essere ricchi per poter diventare investitori. Non è così. Gli investitori privati possono, infatti, puntare a ricavi cospicui sul lungo termine iniziando anche da piccoli importi, costruendosi così un vero e proprio patrimonio: l’importante è cominciare quanto prima. 

Chi comincia a investire piccole somme di denaro già a 20 anni fa una scelta lungimirante: più è ampio l’orizzonte d’investimento, tanto maggiore sarà il relativo ritorno. Ciò vale tanto per la previdenza, quanto per gli investimenti finanziari. Quando si è giovani e si desidera diventare investitori, bisogna prestare attenzione ai seguenti aspetti.

Sicurezza e lungimiranza

Il pilastro 3a può rappresentare il vostro primo passo per diventare investitori:  possibilmente, versate il massimo importo annuale possibile, che potete peraltro dedurre dal reddito imponibile. Senza contare la possibilità di aprire un fondo di previdenza per accrescere ulteriormente il vostro avere di vecchiaia. Anche in questo caso, un orizzonte d’investimento particolarmente ampio si rivela ideale. Per molti, questa operazione potrebbe non suonare particolarmente interessante: si tratta tuttavia di un’opportunità importante e semplice al fine di consolidare il vostro futuro finanziario e garantirvi il massimo in termini di rendimento e agevolazioni fiscali.

Investire al posto di risparmiare a tassi d’interesse bassi

Al posto di depositare il denaro che vi rimane da parte tutti i mesi su un conto di risparmio con tassi d’interesse irrisori, conviene investire in piani di risparmio in fondi, fondi tradizionali o anche in ETF.

Piani di risparmio in fondi

Si tratta di opzioni consigliate a chi ha intenzione di investire con regolarità piccole somme di denaro. Così, ad esempio, versando CHF 20.– al mese in un piano di risparmio di fondi potrete approfittare delle evoluzioni del mercato: un’opzione interessante per chi è alle prime armi con gli investimenti. 

Fondi d’investimento

Qui avete la possibilità di soddisfare le vostre preferenze personali (ad es investire in prodotti sostenibili) e di scegliere i fondi che più corrispondono alla vostra strategia. I fondi azionari, ad esempio, rappresentano un’opzione interessante per gli investitori con un ampio orizzonte d’investimento, quindi per coloro che iniziano a investire particolarmente presto. Tali fondi implicano certamente un rischio superiore rispetto, ad esempio, a fondi che investono esclusivamente in obbligazioni. Con una buona diversificazione e un orizzonte d’investimento adeguatamente ampio, però, tale rischio viene perlopiù compensato, garantendo generalmente rendimenti più alti. All’interno dei fondi esiste inoltre la scelta tra fondi a distribuzione e quelli di  tesaurizzazione. I fondi di tesaurizzazione reinvestono direttamente i dividendi. I fondi a distribuzione versano i ricavi agli investitori. I fondi di tesaurizzazione beneficiano direttamente dell’effetto degli interessi composti. Ciò comporta un aumento di valore esponenziale del denaro investito. In alternativa, è possibile impostare un ordine di reinvestimento automatico, che reinveste i ricavi derivanti dai fondi di distribuzione direttamente in nuove parti di un fondo.

ETF (exchange traded funds)

Una buona alternativa ai fondi di investimento è rappresentata dagli ETF, ovvero fondi quotati in borsa.

Azioni

Anche le azioni rappresentano una buona opportunità di investimento. È importante, in tale contesto, ripartire il patrimonio tra diversi titoli, al fine di compensare le potenziali evoluzioni negative di singole azioni, diversificando al contempo il deposito. I dividendi, laddove sia effettivamente prevista la loro ridistribuzione, saranno dunque corrisposti su base annuale, ad esempio, e costituiscono pertanto un ricavo aggiuntivo per gli investitori.

Pianificare la propria vita per rimanere flessibili

Anche la pianificazione della vostra vita esercita un’influenza sui vostri investimenti e le vostre finanze: chi infatti ha intenzione di cambiare nel prossimo futuro la sua situazione di vita, dovrebbe tenerne conto ove possibile anche nei propri investimenti. Avete intenzione di comprare casa una volta superati i 30? Emigrare? Mettere su famiglia presto? Per tutti questi progetti bisogna assicurarsi di avere a disposizione anche del capitale liquido. 

Acquisire conoscenza può valere oro

Informatevi! Vale la pena informarsi già per tempo sul tema degli investimenti, anche se non vi sareste probabilmente mai immaginati di confrontarvi con temi finanziari prima d’ora. «Non ne ho tempo né voglia» non dovrebbe essere una scusa. Non rimandate il tema degli investimenti a domani. Perché «domani» potrebbe in un attimo diventare tra 10 o 15 anni: in questo periodo avreste potuto costituire una piccola fortuna con poco sforzo e con un capitale ridotto. 

Stile di vita, formazione, riserve, previdenza: tutti questi aspetti necessitano di denaro sufficiente. Qualora dovesse rimanere qualcosa da parte, dovreste destinarne almeno una parte in investimenti finanziari. Grazie a un ampio orizzonte d’investimento e una corretta strategia, infatti, potete puntare a rendite irraggiungibili con i tradizionali tassi d’interesse sui depositi a risparmio. Allora, non abbiate paura! Investire non è solo appannaggio delle persone ricche. Già a partire da piccole somme è possibile diventare investitori e costruirsi una fortuna.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi