La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 2 Minuti Tempo di lettura 2 Minuti
Creato il 22.01.2019

Aperti a Open Innovation

Nel quadro della propria gestione innovazioni, PostFinance punta anche su Open Innovation, servendosene per aprire il processo d’innovazione ai partner esterni. I nostri esempi illustrano cosa c’è dietro questo progetto e come viene implementato.

Open Innovation non significa altro che questo: un’azienda apre il suo processo d’innovazione per scoprire nuovi campi di ricerca insieme a partner esterni come startup, università e scuole universitarie, istituti che analizzano tendenze e prospettive future o altre aziende, generando nuove idee in questi ambiti. In questo modo ci si libera dei paraocchi e lo sguardo si rivolge verso cose che prima non erano nel campo visivo dell’azienda stessa. Inoltre, insieme si generano più conoscenze che da soli. I tre esempi seguenti mostrano come PostFinance utilizza Open Innovation.

Esempio 1: tilbago

I fondatori della strartup Tilbago si sono rivolti a PostFinance con l’idea commerciale di sostenere le piccole e medie imprese, ma anche comuni, ospedali, centrali elettriche, ecc. con una soluzione moderna per l’espletamento automatico delle domande di esecuzione. PostFinance ne ha riconosciuto il potenziale: fino a quel momento una funzione simile mancava, ad esempio, nel tool di gestione debitori SmartBusiness offerto dall’istituto finanziario alle piccole imprese. Insieme, le due aziende hanno completato il processo di innovazione nel PFLab, portando sul mercato la soluzione cloud nell’autunno inoltrato del 2016 con il nome di tilbago. PostFinance ha anche acquisito una partecipazione nella startup Tilbago.

PostFinance è costantemente alla ricerca di startup interessanti attive in ambiti tematici ben definiti per costruire insieme a loro un futuro promettente.

Esempio 2: coinvolgimento degli studenti

PostFinance viene regolarmente invitata a parlare della propria gestione innovazioni presso università e scuole universitarie: in questo modo, si vuole offrire agli studenti una prospettiva pratica. Non sempre ci si limita ad ascoltare: nel quadro di workshop e cicli di formazione si concretizzano in fasi preliminari anche idee e progetti innovativi di e per PostFinance, per capire se potrebbero avere una qualche rilevanza. Così facendo è possibile mettere in luce temi diversi, come ad esempio la previdenza finanziaria, da un punto di vista completamente diverso, con vantaggi per tutti: gli studenti hanno la possibilità di partecipare a un progetto appassionante e PostFinance riceve nuovi input esterni. Anche questo è un modo di dare vita a nuove idee insieme a partner esterni.

Esempio 3: «B4U»

Chiaramente PostFinance non perde di vista il tema della blockchain e ha da poco introdotto un progetto pilota a questo proposito, «B4U» (Blockchain for Utility), una soluzione attualmente in fase di elaborazione e verifica in collaborazione con Energie Wasser Bern (ewb). «B4U» misura e fattura l’utilizzo di energia solare prodotta da privati in modo semplice e trasparente tramite una blockchain. L’idea è nata da una discussione tra un collaboratore di PostFinance precedentemente impiegato nel settore energetico ed ewb ed è stata portata avanti congiuntamente all’interno del PFLab, il laboratorio dell’innovazione di PostFinance. L’esempio mostra quali possono essere i vantaggi di Open Innovation, anche per due aziende attive in settori diversissimi.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi