News

La funzione Lookup: un vantaggio per emittenti e destinatari di fatture

Da maggio 2021 la nuova funzione Lookup agevolerà il contatto tra emittenti e destinatari di fatture grazie a un processo automatizzato: il destinatario, infatti, non dovrà più cercare ogni possibile emittente manualmente nell’e-banking, ma li potrà aggiungere automaticamente. Dal canto suo, l’emittente potrà avviare le registrazioni in autonomia. In questo modo, puntiamo a migliorare il collegamento tra emittenti e destinatari di fatture e rendere eBill la piattaforma principale per la ricezione di tutte le fatture.

Lookup per destinatari di fatture: ricezione automatica delle fatture eBill

Con la funzione Lookup il destinatario ha la possibilità di attivare l’opzione «Aggiungere automaticamente emittenti di fatture» sulla piattaforma eBill. In questo modo, segnala a tutti gli emittenti la disponibilità a ricevere le fatture tramite eBill, mantenendo la possibilità di escludere singoli emittenti da quest’opzione. Una volta che tale opzione è stata attivata, gli emittenti possono spedire le proprie fatture tramite eBill. In più, per permettere al destinatario di tenere tutto sotto controllo, la prima fattura eBill di un emittente viene sempre evidenziata con un colore diverso. Con la funzione Lookup il destinatario riceverà sempre più fatture tramite eBill, che diventerà così la piattaforma principale per il pagamento delle fatture. 

Lookup per emittenti di fatture: avviare e verificare eBill per i destinatari delle fatture

L’emittente della fattura può usare la funzione Lookup sia per avviare automaticamente la registrazione a eBill che per verificare tutte le registrazioni ancora in sospeso. Il requisito per un feedback positivo in Lookup è che i clienti eBill (destinatari della fattura) abbiano creato un’esplicita autorizzazione di recapito per l’emittente della fattura o che sia stata attivata l’opzione «Aggiungere automaticamente emittenti di fatture» nel portale eBill. Ecco come funziona: l’emittente cerca il destinatario tramite l’indirizzo e-mail, se si tratta di un cliente privato, oppure tramite il numero d’identificazione delle imprese (IDI), presente ad es. nella sua banca dati clienti, nel caso di «eBill for Business». Se viene trovata una corrispondenza, l’emittente riceve un messaggio che lo informa di poter inviare le fatture eBill in futuro e trasferire il destinatario in questione su eBill, ad esempio qualora la fatturazione avvenisse in precedenza in formato cartaceo.

Se un destinatario desidera ricevere le fatture tramite eBill, può informarne l’emittente manualmente sul portale eInvoicing oppure per via automatizzata tramite webservice, fornendo il proprio indirizzo e-mail o l’IDI.

Avete ancora domande al riguardo? Il vostro consulente sarà felice di aiutarvi.