Modifiche ai fondi strategici

Il 15 agosto 2022 PostFinance cambierà l’orientamento dei fondi strategici. Integrando gli aspetti della sostenibilità, in futuro verranno presi in considerazione anche temi legati all’ambiente (Environment), al sociale (Social) e alla gestione aziendale (Governance).

Diversi fondi strategici con quote azionarie variabili

Per rispondere alle esigenze d’investimento individuali, PostFinance offre fondi strategici con quote azionarie variabili.

Panoramica della composizione strategica e dei nuovi nomi dei fondi

Il grafico mostra i nuovi nomi dei fondi con il rischio e il rendimento attesi. PF - ESG Yield Strategy Fund, ex PostFinance Fonds 2; PF - ESG Income Strategy Fund, ex PostFinance Fonds 3; PF - ESG Balanced Strategy Fund, ex PostFinance Fonds 4; PF - ESG Growth Strategy Fund, ex PostFinance Fonds 5
La composizione delle singole strategie d’investimento varia in base agli attuali sviluppi dei mercati.

Novità: integrazione degli aspetti di sostenibilità

PostFinance si orienterà d’ora in poi verso benchmark che tengono conto di aspetti ecologici (E), sociali (S) e di una valida gestione aziendale (G), così da essere posizionati in modo più sostenibile.

Pertanto, in futuro, i seguenti principi verranno applicati su tutti i fondi strategici di PostFinance:

  • L’obiettivo è far sì che i fondi d’investimento dispongano di un punteggio ESG più elevato rispetto al tradizionale indice di riferimento
  • I fondi di previdenza devono inoltre presentare un’impronta ecologica di CO2 inferiore al valore di riferimento consueto

Novità: percentuale di fondi immobiliari svizzeri

Per ragioni di diversificazione abbiamo deciso di introdurre ora la classe d’investimento «fondi immobiliari svizzeri» che, storicamente, riscuote grande successo.

Asset allocation ottimizzata

Le mutate condizioni di mercato ci hanno spinto a ridurre la percentuale di obbligazioni in franchi svizzeri. Oltre che in fondi immobiliari elvetici, le risorse ora disponibili vengono investite maggiormente in obbligazioni globali e in azioni di paesi emergenti. Questi adeguamenti aumentano la diversificazione e creano un miglior rapporto rischio/rendimento.

Condizioni e costi

Le modifiche sopra descritte non determinano alcuna variazione dei costi dei fondi attualmente in vigore. I costi complessivi (TER / total expense ratio) per la gestione dei fondi restano compresi tra l’1,03 e l’1,23% all’anno.