House view

PostFinance è sinonimo di competenza negli investimenti. Da vent’anni offriamo soluzioni d’investimento vincenti, orientate alle esigenze dei clienti che vogliono accrescere il proprio patrimonio personale. Per poter esaminare costantemente l’evoluzione congiunturale dei mercati finanziari e dell’economia mondiale e così trarre le decisioni migliori per i nostri investitori, abbiamo costituito un comitato di investimento che si riunisce ogni mese per definire la house view di PostFinance. Da quest’ultima deriva il nostro posizionamento.

Bussola degli investimenti – ottobre 2019

Il franco non è il solo porto sicuro

Nei periodi di grande insicurezza vale la pena di aumentare le quote di «porti sicuri» nel portafoglio. Negli ultimi mesi lo yen giapponese e l’oro hanno beneficiato di questa qualità.

Posizionamento

Speranza e trepidazione in borsa

L’ennesimo forte crollo dei precursori di tendenza per l’economia statunitense ha fatto tremare le borse. Per una volta, gli sviluppi politici fanno ben sperare, ma per gli investitori le premesse per l’ultimo trimestre dell’anno restano irte di ostacoli. Un posizionamento difensivo rimane quindi la scelta migliore.

I porti sicuri aumentano la stabilità del portafoglio nei periodi di grande incertezza.

Panoramica del mercato

I timori di una recessione spaventano gli investitori

Le preoccupazioni circa la solidità della congiuntura americana lasciano il segno sui mercati azionari. L’offuscamento delle prospettive di crescita, però, risveglia anche la speranza che la banca centrale statunitense riduca i tassi d’interesse guida e ridia così slancio ai mercati, attese che appaiono giustificate.

Economia

Peggiorano le prospettive economiche

Di recente le prospettive economiche sono ulteriormente peggiorate, soprattutto negli USA, e bisogna prevedere tassi di crescita ridotti. Anche per la Svizzera le prospettive sono modeste, mentre gli ultimi dati dalla Cina indicano una certa ripresa.

Modelli di portafoglio

I rischi invitano alla prudenza

L’offuscamento congiunturale sul settore industriale statunitense ha scosso i mercati azionari. A fronte di una situazione tanto zoppicante, manteniamo il nostro atteggiamento difensivo.