La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 5 Minuti Tempo di lettura 5 Minuti
Creato il 19.07.2019

Il nostro posizionamento: cercasi nuovi fattori trainanti per i corsi

La seconda metà dell’anno potrebbe rivelarsi meno brillante. I tassi d’interesse sono già bassi e la congiuntura si indebolisce. Raccomandiamo pertanto di sostituire parte delle azioni e delle obbligazioni con oro e fondi immobiliari svizzeri.

L’evoluzione estremamente positiva dei mercati finanziari nel primo semestre del 2019 è stata sospinta in larga misura dalla riduzione del livello dei tassi d’interesse. In tutto il mondo le banche centrali hanno segnalato l’intenzione di portare avanti la loro politica monetaria espansiva nonché la disponibilità, qualora risulti necessario, a rafforzare ulteriormente il loro sostegno. I mercati finanziari si attendono dalla banca centrale americana proprio una simile misura. Se la valutazione dei mercati obbligazionari si rivelerà corretta, entro fine anno la Federal Reserve taglierà di almeno mezzo punto percentuale il tasso d’interesse guida.

Scendono i tassi di interesse, salgono le quotazioni

La riduzione dei tassi di interesse si traduce in un aumento delle quotazioni degli investimenti finanziari. Tale aumento è ovvio nel caso delle obbligazioni, ma interessa anche le azioni, gli immobili e anche altre tipologie di investimento. Il fatto che, dall’inizio dell’anno, le quotazioni azionarie siano cresciute in tutto il mondo di poco meno del 20%, e addirittura del 22% in Svizzera, sarebbe sostanzialmente riconducibile ai tassi d’interesse più bassi e alle alte aspettative riposte dai mercati finanziari nei confronti delle banche centrali.

Il calo dei tassi d’interesse spinge al rialzo le quotazioni delle obbligazioni

Sviluppo dei rendimenti delle obbligazioni della Confederazione Svizzera

Il grafico mostra l’andamento dei prezzi e dei rendimenti complessivi delle obbligazioni della Confederazione Svizzera. Nel primo semestre i prezzi delle obbligazioni della Confederazione Svizzera hanno registrato un notevole aumento. Ciò ha consentito agli investitori di conseguire nel complesso un profitto, nonostante i rendimenti alla scadenza negativi. L’aumento dei prezzi, infatti, ha compensato le perdite di interessi maturati.
Fonte: Thomson Reuters Datastream

Nel primo semestre i prezzi delle obbligazioni della Confederazione Svizzera hanno registrato un notevole aumento. Ciò ha consentito agli investitori di conseguire nel complesso un profitto, nonostante i rendimenti alla scadenza negativi. L’aumento dei prezzi, infatti, ha compensato le perdite di interessi maturati.

Gli utili non tengono il passo

Le quotazioni azionarie hanno invece beneficiato di scarso sostegno da parte degli utili aziendali, il cui andamento è ormai da tempo stagnante, se non addirittura in calo come avviene in alcune regioni. Di conseguenza, anche le aspettative sugli utili delle aziende diventano sempre più prudenti.
Per un nuovo aumento degli utili bisognerà probabilmente attendere una sensibile ripresa dell’economia, scenario che però è lontano da quanto attualmente segnalato dagli indicatori anticipatori congiunturali.

Le aspettative sugli utili delle aziende diventano sempre più prudenti.

Orientamento prudente per i portafogli

All’inizio del secondo semestre, i mercati finanziari si trovano dunque stretti tra una congiuntura che mostra segni di indebolimento, tassi d’interesse estremamente bassi e aspettative elevate nei confronti delle banche centrali. Date tali premesse, è relativamente improbabile che i mercati possano ripetere le prestazioni del primo semestre. Finché l’economia non tornerà a crescere, nel breve termine sarà necessario mettere in conto anche possibili battute d’arresto. Ciò vale soprattutto per gli investimenti in azioni. Un orientamento prudente nella composizione dei portafogli risulta indicato anche alla luce delle tensioni geopolitiche tuttora irrisolte che sono tornate alla ribalta.

Il nostro consiglio è di ridurre leggermente la quota di azioni al di sotto di quella a lungo termine. Secondo il nostro punto di vista, è richiesta particolare prudenza soprattutto per le azioni europee e britanniche, che abbiamo sottoponderato nei nostri portafogli dando invece la preferenza alle azioni svizzere. Queste ultime, infatti, reagiscono meno drasticamente a eventuali rallentamenti dei mercati azionari mondiali e sono apprezzate dagli investitori per il loro carattere difensivo.

Il livello molto basso dei tassi d’interesse limita però il potenziale di rendimento delle obbligazioni. Come alternativa alle obbligazioni sicure, consigliamo pertanto di puntare maggiormente sui fondi immobiliari svizzeri e sugli investimenti sul mercato monetario. A nostro avviso sono inoltre un’opzione interessante i titoli di stato dei paesi emergenti. Con un rendimento medio del 7%, gli investitori beneficiano infatti di un potenziale di rendimento di gran lunga maggiore. Un altro consiglio che diamo ai nostri clienti è di tenere nel portafoglio investimenti in oro e in yen. Questi ultimi infatti si sono dimostrati investimenti redditizi in passato anche nei momenti caratterizzati da incertezza.

La scalata dell’oro

Nelle ultime quattro settimane i mercati finanziari hanno dato prova di ottima salute. Lo scorso mese praticamente tutte le classi d’investimento hanno registrato rendimenti positivi. Nei mercati azionari della Svizzera e degli Stati Uniti gli indici di riferimento hanno toccato nuovi valori record. Questa dinamica positiva si è estesa anche agli investimenti dei paesi emergenti, che nei mesi precedenti non erano riusciti a tenere il passo con i mercati dei paesi sviluppati. Lo scorso mese è stato positivo anche per i fondi immobiliari svizzeri e gli investimenti in oro, di cui continuiamo a consigliare l’acquisto.

Evoluzione del valore delle classi d’investimento

Valute 1 mese in CHF YTD in CHF
Valute
EUR
1 mese in CHF
-1,1%
YTD in CHF

-1,6%

Valute
USD
1 mese in CHF
-1,1%
YTD in CHF
0,6%
Valute
JPY
1 mese in CHF
-0,8%
YTD in CHF
1,9%

Azioni 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Azioni
Svizzera
1 mese in CHF
0,3%
YTD in CHF
21,3%
1 mese in VL

0,3%

YTD in VL
21,3%
Azioni
Mondo
1 mese in CHF
2,6%
YTD in CHF
19,3%
1 mese in VL
3,8%
YTD in VL
18,6%
Azioni
USA
1 mese in CHF
3,0%
YTD in CHF
21,8%
1 mese in VL
4,2%
YTD in VL
21,1%
Azioni
Zona euro
1 mese in CHF
2,8%
YTD in CHF
16,2%
1 mese in VL
4,0%
YTD in VL
18,1%
Azioni
Gran Bretagna
1 mese in CHF
0,6%
YTD in CHF
12,7%
1 mese in VL
3,2%
YTD in VL
15,2%
Azioni
Giappone
1 mese in CHF
0,9%
YTD in CHF
8,8%
1 mese in VL
1,7%
YTD in VL
6,9%
Azioni
Paesi emergenti
1 mese in CHF
3,9%
YTD in CHF
12,1%
1 mese in VL
5,1%
YTD in VL
11,5%

Obbligazioni 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Obbligazioni
Svizzera
1 mese in CHF
0,2%
YTD in CHF
3,1%
1 mese in VL

0,2%

YTD in VL
3,1%
Obbligazioni
Mondo
1 mese in CHF
–0,4%
YTD in CHF
5,5%
1 mese in VL
0,7%
YTD in VL
4,9%
Obbligazioni
Paesi emergenti
1 mese in CHF
1,1%
YTD in CHF
13,2%
1 mese in VL
2,2%
YTD in VL
12,5%

Investimenti alternativi 1 mese in CHF YTD in CHF
1 mese in VL YTD in VL
Investimenti alternativi
Immobili Svizzera
1 mese in CHF
3,8%
YTD in CHF
15,6%
1 mese in VL

3,8%

YTD in VL
15,6%
Investimenti alternativi
Oro
1 mese in CHF
3,6%
YTD in CHF
10,3%
1 mese in VL
4,8%
YTD in VL
9,6%

Il nostro posizionamento Focus Svizzera

Liquidità Vecchia TAA Nuova TAA
Liquidità
CHF
Vecchia TAA
7,0%
Nuova TAA
7,0%
Liquidità
JPY
Vecchia TAA
2,0%
Nuova TAA
2,0%
Liquidità
Totale
Vecchia TAA
9,0%
Nuova TAA
9,0%

Azioni
Vecchia TAA Nuova TAA
Azioni
Svizzera
Vecchia TAA
28,0%
Nuova TAA
28,0%
Azioni
USA
Vecchia TAA
8,0%
Nuova TAA
8,0%
Azioni
Zona euro
Vecchia TAA
3,0%
Nuova TAA
3,0%
Azioni
Gran Bretagna
Vecchia TAA
0,0%
Nuova TAA
0,0%
Azioni
Giappone
Vecchia TAA
2,0%
Nuova TAA
2,0%
Azioni
Paesi emergenti
Vecchia TAA
5,0%
Nuova TAA
5,0%
Azioni
Totale
Vecchia TAA
46,0%
Nuova TAA
46,0%

Obbligazioni Vecchia TAA Nuova TAA
Obbligazioni
Svizzera
Vecchia TAA
13,0%
Nuova TAA
13,0%
Obbligazioni
Mondo
Vecchia TAA
10,0%
Nuova TAA
10,0%
Obbligazioni
Paesi emergenti
Vecchia TAA
8,0%
Nuova TAA
8,0%
Obbligazioni
Totale
Vecchia TAA
31,0%
Nuova TAA
31,0%

Investimenti alternativi Vecchia TAA Nuova TAA
Investimenti alternativi
Immobili Svizzera
Vecchia TAA
7,0%
Nuova TAA
7,0%
Investimenti alternativi
Oro
Vecchia TAA
7,0%
Nuova TAA
7,0%
Investimenti alternativi
Totale
Vecchia TAA
14,0%
Nuova TAA
14,0%
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi