La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Creato il 03.01.2019

Avete ereditato del denaro. E ora?

Chi desidera optare per un investimento può ad esempio investire denaro ogni mese, accrescere il proprio portafoglio annualmente oppure investire un importo in una soluzione unica. L’ultima opzione è spesso la più gettonata quando si eredita del denaro. Il diritto successorio in Svizzera prevede infatti una cosiddetta porzione legittima che garantisce una parte dell’eredità ai parenti diretti del defunto. La probabilità di ricevere un giorno un’eredità è quindi elevata. Che fare quando questo accade davvero? Ricevere molto denaro tutto insieme può rappresentare una sfida per molti.

Vi mostriamo come potete gestire la vostra eredità, e magari investirne anche una parte a lungo termine.

Chi eredita in Svizzera e a quanto ammonta realmente l’importo? A tal proposito è difficile avere informazioni ufficiali. Uno Il link si apre in una nuova finestra studio mostra però che nel 2015 sono stati lasciati in eredità in Svizzera circa 63 miliardi di franchi, ovvero all’incirca l’importo risparmiato in un anno da tutti i privati svizzeri messi insieme. Una bella somma! Naturalmente solo di rado le eredità sono distribuite in modo equo: il 35% di tutte le eredità è compreso tra  CHF 0.– e CHF 50’000.– e questo importo viene suddiviso poi tra più eredi. Molti ereditano quindi poco e pochi molto. Inoltre, di solito gli eredi devono anche pagare un’imposta (l’imposta di successione) che dipende dall’ammontare del patrimonio ereditato ed è disciplinata a livello cantonale. Nella maggior parte dei Cantoni, i coniugi, i partner registrati e i discendenti diretti sono esonerati dal pagamento di tale imposta. Tuttavia è possibile far fruttare anche una piccola eredità di poche migliaia di franchi e ci sono molte possibilità di utilizzarla.

Eredità: ecco le domande che dovreste porvi

Chi eredita del denaro si trova di fronte a una situazione fuori dall’ordinario: improvvisamente ha a disposizione un certo importo di cui può disporre liberamente. Ecco le domande su cui riflettere.

  • Qual è la vostra situazione finanziaria? Avete dei debiti?
  • Qual è la vostra situazione previdenziale? Potete colmare delle lacune contributive con questo denaro?
  • Avete un sogno nel cassetto che desiderate esaudire da tempo?
  • Desiderate investire del denaro, magari per la prima volta?

Voler realizzare un sogno grazie all’eredità inaspettata è più che legittimo. Riflettete però anche se non volete utilizzare l’eredità, o quel che resta, per estinguere dei debiti, migliorare la vostra situazione previdenziale o fare un investimento. Infatti, a seconda di ciò che volete realizzare nel lungo periodo, può valere la pena investire quanto ereditato.

Vale la pena investire anche piccoli importi

In generale le eredità sono particolarmente adatte per un investimento finanziario: di solito non è possibile programmarle in anticipo o inserirle nella pianificazione finanziaria e a volte sono del tutto inaspettate. Per questo si può pensare di rinunciarvi anche per un periodo prolungato. Una buona occasione per acquisire know how sul tema degli investimenti. Anche chi investe un piccolo importo a lungo termine può conseguire un rendimento positivo. Come per tutti gli altri investimenti, anche in caso di un’eredità è meglio investire basandosi sulla propria strategia d’investimento.

Eventualmente potete utilizzare la vostra eredità per diversificare ancora meglio il vostro portafoglio attuale. In questo caso i fondi potrebbero essere un esempio ideale. Se invece con l’eredità volete azzardare i primissimi passi nel settore degli investimenti, e non investire l’intero capitale tutto in una volta, ma passo per passo, un piano di risparmio in fondi con versamenti regolari sarebbe probabilmente un’opzione adeguata. Questo vi permette tra l’altro di minimizzare il rischio di iniziare a investire nel momento sbagliato ed eventualmente pagare prezzi troppo elevati per i vostri investimenti. Oppure con il vostro nuovo patrimonio seguite volutamente un’altra strategia d’investimento rispetto a quella scelta per i vostri investimenti attuali: magari desiderate investire questo nuovo capitale nell’intento di ottenere il maggior rendimento possibile e assumendovi quindi anche rischi maggiori? Indipendentemente dall’ammontare dell’eredità, sarà il vostro consulente a guidarvi nella scelta dell’investimento di fondi che più si addice alle vostre esigenze e ai vostri obiettivi.

Pensate alla vostra previdenza per la vecchiaia

A seconda di quale sia la vostra situazione di vita al momento in cui beneficiate dell’eredità, hanno la priorità diversi obiettivi. Tenete però sempre a mente anche la vostra previdenza per la vecchiaia. Potreste utilizzare una parte dell’eredità per il versamento nel pilastro 3a o per l’acquisto di prestazioni della cassa pensioni. In questo caso vale però la pena chiarire esattamente le condizioni e valutare se è una cosa da prendere in considerazione.

In caso di eredità gli eredi si trovano ad affrontare molte sfide e, a seconda delle circostanze, un erede può rivoluzionare di colpo la sua situazione patrimoniale. Ciò comporta molte possibilità, molti doveri, ma anche opportunità. Un caso di successione rappresenta probabilmente una buona occasione per iniziare a investire. Come per tutti gli investimenti, anche in caso di eredità occorre innanzitutto scegliere un importo e una determinata durata e poi, se possibile, combinare i diversi investimenti. A seconda dell’ammontare della vostra eredità, non si devono però neanche trascurare i desideri personali: realizzare un piccolo sogno grazie all’eredità o investirla in corsi di formazione e perfezionamento non è una cattiva idea. Chi tuttavia desidera contare nel lungo termine su rendimenti ottenuti con l’eredità, dovrebbe valutare le diverse possibilità di investimento, per beneficiarne così sul lungo periodo.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi