News

I rischi per l’economia globale stanno aumentando

Purtroppo, una rapida fine della guerra in Ucraina non è in vista. La sofferenza umana sta assumendo proporzioni sempre maggiori. C’è da aspettarsi che le sanzioni possano essere ulteriormente inasprite.

La Russia, come previsto, è stata finora colpita più duramente dalle sanzioni. Ma i rischi per l’economia globale stanno aumentando, soprattutto nel caso di un ulteriore inasprimento delle sanzioni. L’Europa, con i suoi maggiori legami geografici con le parti in conflitto, è la più esposta alle incertezze.

L’aumento dei prezzi del petrolio e del gas è particolarmente evidente. All’inizio della settimana, il petrolio del Mare del Nord è stato scambiato temporariamente sopra i 130 dollari al barile, un 60% in più rispetto alla fine del 2021. Gli alti prezzi dell’energia si fanno sentire in tutto il mondo. Da un lato, i consumatori hanno meno soldi a disposizione per altre spese dopo aver acquistato benzina o gasolio da riscaldamento. I margini delle aziende sono anche minacciati in un tale ambiente a causa dell’aumento dei prezzi d’acquisto. D’altra parte, gli alti prezzi dell’energia complicano ulteriormente il compito delle banche centrali. In realtà, ora dovrebbero combattere attivamente l’inflazione, soprattutto perché il nuovo shock dei prezzi ha aumentato significativamente il pericolo dell’inflazione. Ma allo stesso tempo, il margine d’azione si sta riducendo a causa dei maggiori rischi economici.

È consigliabile una riduzione del rischio

La maggiore incertezza si riflette in grandi movimenti sui mercati finanziari. I mercati azionari sono recentemente scivolati profondamente in rosso. Solo le azioni del settore energetico sono riuscite a sfuggire a questo sviluppo negativo. Particolarmente colpito - oltre alle azioni russe - è il mercato azionario europeo, che ha perso il 12% solo la scorsa settimana. Unicamente i mercati azionari svizzeri e britannici si sono dimostrati un po’ più resistenti.

In tali crisi, i vantaggi di una strategia di investimento diversificata diventano ancora una volta evidenti. Per quanto riguarda gli sviluppi attuali, è importante notare che gli investimenti russi costituivano già una quota molto piccola dei portafogli all’inizio della crisi. Con l’esclusione delle azioni dai grandi indici di borsa, le azioni russe non si comprano più affatto.

La quota di azioni europee nei nostri portafogli di e-gestione patrimoniale è nella gamma di percentuali a una cifra. All’inizio della settimana abbiamo deciso in una riunione straordinaria del comitato di investimento, di ridurre ulteriormente questa quota.

Nelle prossime settimane ci si aspetta un’altra grande turbolenza sui mercati finanziari. Non è semplice mantenere la calma in questi momenti. Ma le decisioni ben ponderate pagheranno. Gli investimenti sicuri come i titoli di stato e l’oro hanno guadagnato recentemente e continueranno a portare stabilità ai portafogli. Tuttavia, dato l’aumento dei rischi globali, ha senso ridurre i rischi nei portafogli. Lo abbiamo fatto con la nostra decisione di sottopesare le azioni. Continueremo a monitorare la situazione da vicino per i nostri clienti.

Daniel Mewes

Chief Investment Officer