News

Invasione russa dell'Ucraina

La Russia ha intensificato il conflitto in Ucraina con l'offensiva di invasione, scuotendo il mondo ma anche i mercati finanziari. Le attività finanziarie rischiose sono diminuite, soprattutto in Europa e in Asia, mentre le attività sicure sono aumentate. I mercati azionari in Asia hanno perso il 2-3%, mentre l'Europa ha chiuso quasi il 4% in rosso. I mercati azionari americani, d'altra parte, sono stati poco impressionati e hanno persino guadagnato. Anche i prezzi del petrolio greggio e del gas naturale sono aumentati. Un barile di greggio Brent del Mare del Nord costava ben oltre i 100 dollari USA a volte, ma in serata era scambiato appena sotto la soglia dei 100 dollari USA. Il metallo prezioso oro ha avuto un andamento simile. L'oncia pregiata è costata oltre 1970 dollari USA a volte, ma è stata scambiata di nuovo a 1900 dollari USA alla fine della giornata. Le obbligazioni, d'altra parte, sono rimaste in domanda - i tassi d'interesse in tutto il mondo sono scesi significativamente.

Tuttavia, le attività finanziarie russe sono state colpite più duramente dall'escalation. Le azioni russe hanno perso più del 30% e le obbligazioni russe denominate in dollari USA sono scese di circa il 40%. Il mercato finanziario russo riflette quindi l'opinione che le conseguenze economiche dell'escalation saranno più gravi per la Russia che per l'economia globale. Questo non è infondato. Circa la metà delle esportazioni russe vanno verso l'UE, mentre l'Unione europea commercia solo il 5% delle sue merci con la Russia. L'aumento dei prezzi del petrolio, d'altra parte, potrebbe rivelarsi più problematico per l'economia globale. Se i prezzi del petrolio rimangono durevolmente più alti, è probabile che questo mantenga alti i tassi d'inflazione. Questo aumenterebbe il rischio che le banche centrali e i mercati finanziari si mettano nei guai. Questo scenario non si è ancora materializzato, ma la probabilità è aumentata.

Nessun cambiamento tattico di posizione

Anche se i mercati finanziari dovrebbero rimanere nervosi nei prossimi giorni, rimane estremamente difficile prevedere l'ulteriore sviluppo della guerra. Tuttavia, gli effetti economici sull'economia globale rimarranno probabilmente piccoli per il momento e anche gli indicatori anticipatori rimangono sopra la media. Vendere azioni nel mezzo della crisi non è quindi consigliabile per il momento. Nell'attuale ambiente nervoso, ci atteniamo quindi al nostro posizionamento e non facciamo alcun cambiamento tattico. I nostri portafogli sono diversificati e contengono posizioni in oro e obbligazioni come copertura oltre agli investimenti azionari. Tuttavia, continueremo a monitorare la situazione da vicino per i nostri clienti.

Daniel Mewes

Chief Investment Officer