Ottimizzazione del Working Capital Management

Tre conoscenze acquisite grazie alla consulenza WCM di PostFinance

Gli esperti WCM di PostFinance, il dr. Daniel Maucher ed Erik Herlyn, supportano le aziende nell’analisi e nell’attuazione delle misure WCM. È stato possibile acquisire queste tre conoscenze grazie a un’attività di consulenza pluriennale.

  • Dall’esperienza della nostra attività di consulenza è emerso che in quasi ogni azienda vi sono possibilità di ottimizzazione del capitale circolante, sia a livello di crediti e di debiti sia, nelle aziende commerciali e produttive, anche a livello di scorte. Con le soluzioni opportune è possibile ottenere risultati di tutto rispetto. È quanto mostrano chiaramente anche i due seguenti casi di studio tratti dalla consulenza WCM di PostFinance.

    Caso di studio 1: nel caso di un’azienda di produzione con un volume di vendite pari a 150& milioni di franchi all’anno, il factoring ha consentito di ridurre il capitale vincolato di 25& milioni di franchi e i costi di finanziamento dal 6% (WACC, Weighted Average Cost of Capital) all’1,2% (cfr. immagine, valori a titolo esemplificativo).

    Cifre esemplificative sul factoring per un’impresa industriale

    Caso di studio 2: nel caso di una grande azienda, il dynamic discounting ha consentito di migliorare il risultato finanziario di oltre 2 milioni di franchi ovvero di ridurre i costi di acquisto di oltre 2 milioni di franchi (cfr. immagine, valori a titolo esemplificativo).

    Cifre esemplificative sul dynamic discounting per una grande azienda

    Sfruttate il potenziale del WCM per la vostra azienda. Non ve ne pentirete.

  • Per ottenere il maggiore effetto possibile con le misure WCM, queste devono essere tagliate su misura della vostra azienda. Un aspetto importante in proposito è ad esempio l’aspetto dell’iscrizione in bilancio. In particolare per quanto riguarda le soluzioni bancarie, occorre garantire che gli effetti derivanti dalle misure relative al capitale circolante possano essere effettivamente realizzate. Questo presuppone che i revisori dei conti accettino gli importi, ad esempio in caso di una soluzione di factoring, come debito derivante dalle forniture e dalle prestazioni e che non li dichiarino invece come debiti finanziari. Affinché questo accada è fondamentale che i consulenti WCM abbiano molta esperienza. Una soluzione individuale garantisce inoltre un livello ottimale di compatibilità con gli strumenti e i sistemi da voi in uso. E non da ultimo, una soluzione individuale consente di evitare inutili oneri aggiuntivi. Tutto questo si può realizzare solo con approcci creativi che tengano conto anche del rapporto tra vantaggi e impegno richiesto. Ad esempio può essere opportuno attuare misure WCM solo per voci contabili elevate, trascurando i piccoli importi di fatturazione.& 

  • Nel quadro della nostra attività di consulenti WCM constatiamo che le aziende utilizzano metodi molto diversi per valutare il capitale circolante. C’è chi valuta il capitale circolante in base alla percentuale di finanziamenti esterni, altri prendono come base di valutazione il tasso di costo ponderato del capitale da finanziamenti esterni o autofinanziamenti (WACC) o addirittura il Libor. Altri ancora si affidano a una percentuale costante, ad esempio del 10%, indipendentemente dal livello dei tassi di interesse. Un comune approccio alla valutazione dei costi del capitale circolante consiste nel partire dal tasso di costo ponderato calcolato sulla base del capitale proprio e di terzi e nel creare una congruenza tra le tempistiche di scorte, crediti e debiti e quelle degli interessi. I valori vincolati a breve termine vengono valutati con tassi di breve periodo, mentre i valori a lungo termine con tassi di lungo periodo. Con questo metodo constaterete rapidamente che il capitale circolante è legato a costi relativamente elevati e che soluzioni come il factoring o il reverse factoring offrono una possibilità interessante di riduzione di questi costi. Queste soluzioni consentono inoltre di realizzare efficaci situazioni win win lungo la vostra catena di creazione del valore.

Volete saperne di più sul WCM?

PostFinance supporta la vostra azienda con un team WCM competente nell’analisi e nell’attuazione di misure WCM. I vostri interlocutori diretti sono il dr.& Daniel Maucher ed Erik Herlyn. Questi due specialisti WCM di comprovata esperienza dispongono di approfondite conoscenze tecniche e di un’esperienza pratica pluriennale nel settore del WCM.

Dr. Daniel Maucher

Responsabile di progetto Working Capital Management

Il dr. Daniel Maucher è responsabile del progetto Working Capital Management presso PostFinance dal 2013,

oltre a condividere le proprie conoscenze sul WCM anche come docente presso due scuole universitarie professionali. Inoltre è membro attivo del gruppo di lavoro WCM dell’Associazione Internazionale dei Controller.

Prima di approdare a PostFinance, Daniel Maucher ha lavorato come collaboratore scientifico presso la cattedra di Gestione logistica dell’Università di San& Gallo e come ingegnere di progetto presso il BMW Group.

Daniel Maucher ha ottenuto il dottorato di ricerca in Scienze economiche presso l’Università di San& Gallo e ha studiato ingegneria gestionale presso il Karlsruhe Institute of Technology (KIT) e presso l’Università di Monaco di Baviera.

Erik Herlyn

Working Capital Management

Dal 2012 Erik Herlyn analizza presso PostFinance i potenziali di ottimizzazione del capitale circolante di medie e grandi imprese. Sulla base di queste analisi e studi ha sviluppato e integrato soluzioni specifiche nei settori finanziario e logistico che oggi fanno parte dell’offerta WCM di PostFinance e della Posta.

Erik Herlyn trasmette il suo know how in materia anche presso l’Università di San& Gallo in veste di docente ospite e presso diverse scuole universitarie professionali nonché attraverso mandati del CdA.

Ingegnere diplomato in tecnologia produttiva, in passato è stato CFO di aziende private e quotate nella borsa statunitense del settore dell’esplorazione petrolifera. Dopo gli studi ha diretto in qualità di consulente il comparto assicurativo di KPMG Svizzera.

Altri argomenti che potrebbero interessarvi