Gestione dell’attivo circolante netto

I tre errori più diffusi nella gestione del capitale circolante

Il Working Capital Management offre un grande potenziale, ma include anche degli ostacoli. Il dr. Daniel Maucher ed Erik Herlyn, esperti WCM di PostFinance, illustrano i tre errori più frequenti nella gestione dell’attivo circolante netto e spiegano come evitarli.

  • Una grande sfida del WCM è il fatto che si colloca nel punto di intersezione tra le varie unità di funzione e aziendali. Gli Acquisti, le Vendite, la Logistica e il Controlling influiscono tutti sul capitale circolante e tutti perseguono obiettivi diversi. Così, ad esempio, gli obiettivi principali delle Vendite sono la massimizzazione del fatturato e la qualità del servizio, gli Acquisti si interessano fondamentalmente delle forniture alla produzione e di possibili risparmi, mentre la Logistica cerca di mantenere basse le scorte. Se un’azienda affida il WCM alle singole funzioni, i conflitti tra obiettivi sono assicurati. In ultima analisi l’unità che influenzerà maggiormente il capitale circolante sarà quella che più avrà operato in tal senso. Evitate di commettere questo errore elaborando e attuando per la vostra azienda una strategia vincolante trasversale a tutte funzioni.

  • Nel quadro della nostra attività di consulenti WCM continuiamo a constatare che le aziende non utilizzano le migliori solvibilità lungo la supply chain così da ottimizzare il proprio capitale circolante. Evitate di commettere questo errore e analizzate le solvibilità lungo la vostra supply chain per trovare le relative potenzialità. A seconda che l'azienda con la migliore solvibilità sia la vostra, uno dei vostri fornitori o dei vostri clienti, avete a disposizione le seguenti soluzioni, legate o svincolate dalle banche.

    Soluzioni nel Working Capital Management
  • Osserviamo che spesso, all’interno delle aziende, il WCM ha solo carattere di progetto, con le seguenti conseguenze in termini di comportamenti: l’azienda rileva che il capitale circolante è aumentato notevolmente in modo inaspettato. A quel punto suonano tutti gli allarmi. L’azienda analizza le cifre, lancia un progetto, nomina un responsabile e adotta delle misure. Non appena le soluzioni WCM hanno ottenuto i risultati auspicati, l’azienda torna a dedicarsi ad altre tematiche. E il ciclo ricomincia da capo: il capitale circolante aumenta di nuovo finché non giunge il momento di un altro progetto WCM. Questa situazione vi suona familiare? Evitate questo errore mantentendo il WCM nella vostra agenda e facendo in modo che se ne occupino i superiori.

Abbiamo risvegliato il vostro interesse verso il WCM?

PostFinance supporta la vostra azienda con un team WCM competente nell’analisi e nell’attuazione di misure WCM. I vostri interlocutori diretti sono il dr.& Daniel Maucher ed Erik Herlyn. Questi due specialisti WCM di comprovata esperienza dispongono di approfondite conoscenze tecniche e di un’esperienza pratica pluriennale nel settore del WCM.

Dr. Daniel Maucher

Responsabile di progetto Working Capital Management

Il dr. Daniel Maucher è responsabile del progetto Working Capital Management presso PostFinance dal 2013,

oltre a condividere le proprie conoscenze sul WCM anche come docente presso due scuole universitarie professionali. Inoltre è membro attivo del gruppo di lavoro WCM dell’Associazione Internazionale dei Controller.

Prima di approdare a PostFinance, Daniel Maucher ha lavorato come collaboratore scientifico presso la cattedra di Gestione logistica dell’Università di San& Gallo e come ingegnere di progetto presso il BMW Group.

Daniel Maucher ha ottenuto il dottorato di ricerca in Scienze economiche presso l’Università di San& Gallo e ha studiato ingegneria gestionale presso l’istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT) e presso la scuola universitaria di Monaco di Baviera.

Erik Herlyn

Working Capital Management

Dal 2012 Erik Herlyn analizza presso PostFinance i potenziali di ottimizzazione del capitale circolante di medie e grandi imprese. Sulla base di queste analisi e studi ha sviluppato e integrato soluzioni specifiche nei settori finanziario e logistico che oggi fanno parte dell’offerta WCM di PostFinance e della Posta.

Erik Herlyn trasmette il suo know how sul WCM anche all’Università di San& Gallo in veste di docente ospite e in diverse scuole universitarie professionali o nell’ambito di mandati dei CdA.

Ingegnere diplomato in tecnologia produttiva, in passato è stato CFO di aziende private e quotate nella borsa statunitense del settore dell’esplorazione petrolifera. Dopo gli studi ha diretto in qualità di consulente il comparto assicurativo di KPMG Svizzera.

Altri argomenti che potrebbero interessarvi