La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Tempo di lettura 4 Minuti Tempo di lettura 4 Minuti
Creato il 02.04.2020

Costituzione di società: quali assicurazioni sociali e personali sono obbligatorie?

State costituendo una vostra impresa? Assicuratevi di effettuare alcuni accertamenti in relazione alle assicurazioni sociali e personali. Scoprite qui a cosa dovete prestare attenzione per tutelare i dipendenti e voi stessi in veste di titolari.

Idealmente, già nella fase di costituzione, ma al più tardi all’avvio dell’attività, i fondatori devono garantire a se stessi e ai loro dipendenti un’adeguata copertura assicurativa sociale e personale. La struttura di tale assicurazione dipende da un lato dalla forma giuridica dell’azienda e dall’altro dalla condizione di chi esercita un’attività lavorativa.

  • Per quanto riguarda i dipendenti – che in una Sagl o in una SA comprendono anche il/la titolare – la copertura offerta dall’assicurazione sociale è chiaramente definita dai requisiti di legge. 

    Assicurazioni obbligatorie

    Il datore di lavoro è tenuto a fare una dichiarazione presso la cassa di compensazione e a detrarre a scadenza regolare i contributi del datore di lavoro e del lavoratore del 1º pilastro (AVS/AI/IPG). Sono obbligatorie anche l’assicurazione contro la disoccupazione, l’assicurazione contro gli infortuni e la previdenza professionale (2º pilastro).

    Assicurazioni facoltative

    Facoltativa, ma raccomandata, è la stipula di un’assicurazione d’indennità giornaliera per tutelare l’azienda dalle conseguenze finanziarie dell’obbligo di versamento continuato del salario prima dell’applicazione delle prestazioni previste per legge in caso di invalidità.

    Buono a sapersi

    Molti datori di lavoro offrono ai dipendenti una copertura assicurativa superiore ai requisiti obbligatori per legge e che può essere determinante per la scelta della posizione lavorativa (ad es. assicurazione d’indennità giornaliera, assicurazione contro gli infortuni, previdenza).

  • Assicurazioni obbligatorie

    I lavoratori indipendenti iscritti nelle forme giuridiche della ditta individuale e delle società di persone (ad es. società semplice) – ovvero i titolari di tali ditte – sono ugualmente soggetti all’obbligo contributivo del 1º pilastro. Essi devono richiedere lo stato di lavoratore autonomo presso la cassa di compensazione e dichiarare il proprio salario annuo stimato.

    Assicurazioni facoltative

    L’assicurazione contro gli infortuni, l’assicurazione d’indennità giornaliera, l’assicurazione per perdita di guadagno e la previdenza per la vecchiaia sono facoltative, ma caldamente consigliate.

    Buono a sapersi

    Gli imprenditori e le imprenditrici possono associarsi all’istituto di previdenza della loro associazione di categoria, alla fondazione dell’istituto collettore LPP o alla cassa pensioni dei dipendenti, se presenti.

    La copertura per le conseguenze finanziarie dei rischi attuariali di malattia, infortunio, invalidità, vecchiaia e decesso è scelta in base alle esigenze individuali e alle condizioni dell’interessato. Pertanto la necessità finanziaria in caso di perdita del reddito lavorativo deve essere definita con precisione e concordata in base alle circostanze personali. Se l’imprenditore, per esempio a causa di malattia o infortunio, non è in grado di esercitare un’attività lucrativa, le prestazioni assicurative dell’assicurazione contro gli infortuni o dell’assicurazione d’indennità giornaliera devono coprire il normale costo della vita e i costi fissi dell’azienda.

    Le prestazioni sono sempre erogate in base all’ultimo salario imponibile. Di conseguenza, un salario assicurato eccessivamente elevato è sconsigliabile a causa dei premi più alti. Se in seguito all’infortunio o alla malattia si determina un grado di invalidità, le prestazioni dell’assicurazione per l’invalidità (AI, 1º pilastro) e un’assicurazione facoltativa per perdita di guadagno devono coprire il costo della vita dell’imprenditore e della sua famiglia. L’attività aziendale invece generalmente non viene proseguita o viene venduta.

    Importante: come già detto, i fondatori e i titolari di una SA o di una Sagl sono considerati come dipendenti dell’azienda. Di conseguenza devono essere assicurati allo stesso modo degli altri lavoratori. Tuttavia, in caso di cessazione dell’attività o di scarsità di lavoro, non hanno diritto alle indennità giornaliere dell’assicurazione contro la disoccupazione.

Panoramica delle assicurazioni sociali e personali per forma giuridica e stato del lavoratore

Assicurazione

Ditta individuale, società di persone:

Stato:   titolare

Ditta individuale, società di persone:

Stato: dipendente

Sagl, SA:

Stato: dipendente

Assicurazione
1º pilastro (AVS, AI, IPG)
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Obbligatoria
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Obbligatoria
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Obbligatoria
Assicurazione
Assicurazione contro la disoccupazione (AD)
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
non possibile
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Obbligatoria
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Obbligatoria
Assicurazione
Assicurazione obbligatoria contro gli infortuni (LAINF/Suva)
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Facoltativa
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Obbligatoria
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Obbligatoria
Assicurazione
Assicurazione d’indennità giornaliera in caso di malattia
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Facoltativa
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Facoltativa
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Facoltativa
Assicurazione
Invalidità/decesso
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Facoltativa
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Obbligatoria
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Obbligatoria
Assicurazione
2º pilastro (cassa pensioni ai sensi della LPP)
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Facoltativa, se possibile
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Obbligatoria
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Obbligatoria
Assicurazione
3º pilastro (previdenza privata vincolata / non vincolata)
Ditta individuale, società di persone: Stato: titolare
Facoltativa
Ditta individuale, società di persone: Stato: dipendente
Facoltativa
Sagl, SA: Stato: dipendente  Titolare e collaboratori
Facoltativa

Utilizzo del capitale di libero passaggio

All’avvio dell’attività indipendente il giovane imprenditore può trasferire l’avere di libero passaggio della precedente cassa pensioni su un conto di libero passaggio. Lì esso frutterà degli interessi fino al pensionamento. In alternativa è possibile incassare l’avere e investirlo nella giovane impresa. Tuttavia questo trasferimento è soggetto a condizioni – per la costituzione di una Sagl o di una SA per esempio non è consentito – e la sua opportunità deve essere comunque sempre verificata: con l’avanzare dell’età potrebbero presentarsi notevoli lacune finanziarie.

Partire alla grande con l’offerta lancio

Con PostFinance i fondatori beneficiano dell’offerta lancio che prevede la gestione gratuita del conto per due anni con e-finance e altre offerte a condizioni vantaggiose. 

Fonte

Rivista «pi – Gestione delle piccole imprese», tema costituzione di un’impresa, pubblicata da PostFinance SA in collaborazione con l’Istituto svizzero per le piccole e medie imprese (KMU-HSG) dell’Università di San Gallo 

La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo

Altri argomenti che potrebbero interessarvi