La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Tempo di lettura 2 Minuti Tempo di lettura 2 Minuti
Creato il 16.12.2019 | Aggiornato al 24.11.2020

Perché i CFO devono occuparsi del WCM

Il Working Capital Management (WCM) è una ricetta sicura per aumentare il margine finanziario. Gli esperti di WCM di PostFinance spiegano che cosa dovrebbe sapere ogni responsabile finanziario che intenda occuparsi di gestione del capitale circolante.

Il WCM conviene anche quando l’azienda non ha problemi di liquidità gravi

Nelle aziende, di solito, molto capitale rimane inutilizzato, a volte perché vincolato a scorte inutilmente elevate, altre volte perché i clienti pagano relativamente tardi e perciò l’impresa deve aspettare a lungo l’entrata di denaro. Con misure di WCM che vanno ad agire sui debitori, creditori, sulla liquidità e sulle scorte, le aziende possono liberare il capitale inutilmente vincolato e acquisire così un margine di manovra finanziario maggiore, da sfruttare ad esempio per i propri progetti di crescita. Un approccio WCM a tutto tondo apre a un nuovo potenziale non soltanto all’interno dell’azienda, ma anche trasversalmente ad essa lungo la catena di creazione del valore (o supply chain). L’ottimizzazione dei processi permette di realizzare miglioramenti a livello di costi e di qualità che, grazie al margine e alla redditività superiore, si ripercuotono direttamente sul successo dell’azienda. 

Il WCM è rilevante per tutti i settori

In linea di massima il WCM è adatto a tutti i settori, dato che gli ambiti di azione rilevanti, vale a dire creditori, debitori e liquidità, rivestono un ruolo importante in qualsiasi azienda e offrono diverse opportunità di ottimizzazione. Nelle aziende con magazzino, com’è tipico in quelle commerciali, si aggiunge l’ambito delle scorte che di solito serba un potenziale di intervento supplementare.

Le soluzioni bancarie per il WCM non sono più costose delle soluzioni indipendenti dalle banche, anzi

Soluzioni bancarie come il factoring, il reverse factoring e il payables finance costituiscono sempre un’attrattiva quando un’azienda vuole sfruttare la migliore solvibilità all’interno della supply chain senza mettere a disposizione la propria liquidità e il proprio bilancio. Le soluzioni bancarie per il WCM, proprio come certe soluzioni indipendenti dalle banche, comportano dei costi, i quali di norma vengono però compensati (abbondantemente) dai risultati raggiunti. Di per sé non sono più costose delle soluzioni indipendenti dalle banche, anzi. 

Il WCM ha il suo perché anche in tempi di interessi negativi

Attualmente molte aziende si finanziano in modo molto vantaggioso. Tuttavia, anche per loro è essenziale aprirsi fonti di capitali più stabili tramite il WCM e ottimizzare la catena di creazione del valore. Bisogna inoltre tenere presente che finanziamenti di terzi più elevati fanno aumentare il grado di indebitamento e nel complesso il rischio aziendale. Soluzioni WCM come il factoring permettono di ottimizzare la liquidità in modo flessibile senza aumentare il grado di indebitamento. 

Approfittate delle soluzioni di Working Capital Management di PostFinance

Con le nostre soluzioni WCM generate liquidità aggiuntiva e avete la possibilità di migliorare i vostri indici di bilancio:  

  • Con il factoring cedete crediti maturati nei confronti dei debitori e li finanziate in modo flessibile. 
  • Con il reverse factoring quale finanziamento dei debiti posticipate i termini di pagamento nei confronti dei fornitori.
  • Con il payables finance quale finanziamento dei debitori pagate semplicemente le fatture dei vostri fornitori in un secondo momento.
La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo

Altri argomenti che potrebbero interessarvi