La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Tempo di lettura 3 Minuti Tempo di lettura 3 Minuti
Creato il 16.12.2019

Gestione del capitale circolante: il factoring in Svizzera

Il factoring è sempre più diffuso in tutta Europa come strumento di gestione del capitale circolante, ma secondo le statistiche, in Svizzera rimane in secondo piano. Di seguito abbiamo raccolto i motivi di questa reticenza e argomentazioni a favore dell’utilizzo del factoring in azienda.

Il factoring come proposta di soluzione è uno strumento di gestione del capitale circolante sempre più diffuso a livello europeo. In Svizzera invece, come emerge dall’immagine sottostante, il factoring gioca ancora un ruolo di secondo piano.

Mercato del factoring: la Svizzera e l’Europa a confronto

Il grafico mette a confronto l’andamento del mercato del factoring in Svizzera e in Europa dal 2010 al 2016. Nel 2010 in Svizzera aveva un valore di 4 miliardi di euro, in Europa di quasi 1’000 miliardi di euro. Nel 2016 valeva meno di 4 miliardi di euro in Svizzera e circa 1’600 miliardi di euro in Svizzera.
Fonte: Supply Chain Finance Lab dell’Università di San Gallo

Lo si evince chiaramente anche dal raffronto con la Germania: rispetto al prodotto interno lordo, nel 2015 in Svizzera il ricorso al factoring è stato 50 volte inferiore rispetto al paese limitrofo.

Volumi di fatturato nel settore del factoring in Svizzera

Il grafico mostra il volume di fatturato del settore del factoring in Svizzera, che tra il 2004 e il 2016 è cresciuto da circa 1,3 miliardi ad appena 4 miliardi di euro.
Fonte: statista.com

Volumi di fatturato nel settore del factoring in Germania

Il grafico mostra il volume di fatturato del settore del factoring in Germania, che tra il 2004 e il 2016 è cresciuto da circa 50 miliardi a ben 200 miliardi di euro.
Fonte: statista.com

I motivi di queste esitazioni sul factoring sono riconducibili al basso livello dei tassi d’interesse e alla buona dotazione di capitale proprio di molte aziende in Svizzera, nonché al timore che il factoring comporti notevoli oneri burocratici aggiuntivi e che gli operatori del factoring si rivolgano ai propri clienti a seconda del loro assetto. Questi potrebbero essere anche i motivi per cui il factoring in Svizzera ha un’immagine parzialmente negativa. 

Factoring: perché conviene rivalutare questo strumento di WCM

A questa reticenza si contrappongono le seguenti argomentazioni:

  • Anche in un contesto caratterizzato da tassi d’interesse bassi, il factoring consente di ridurre ulteriormente i costi di finanziamento e nel contempo di migliorare gli indici di bilancio
  • L’utilizzo di strumenti moderni non comporta in pratica alcun dispendio amministrativo aggiuntivo
  • L’incasso può continuare a essere gestito dalla propria azienda
  • Nel caso del factoring discreto, i clienti non vengono informati in merito al factoring
  • Praticamente tutte le grandi aziende utilizzano strumenti di Supply Chain Finance, il cui impiego è utile in molti casi anche per le PMI
La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo

Altri argomenti che potrebbero interessarvi