La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 3 Minuti Tempo di lettura 3 Minuti
Creato il 07.05.2019

Come si crea un reparto IT interno?

Le sorprese fanno parte del settore IT. Può essere entusiasmante, ma dal punto di vista di un’azienda è anche oneroso. Succede spesso di superare il budget, persino quando si vuole creare il proprio reparto IT. A maggior ragione è utile confrontarsi con le opportunità e i rischi di un reparto all’interno della propria organizzazione.

Neppure un servizio IT interno vi rende mai completamente indipendenti

In questo caso, avere un proprio reparto IT significa offrire il cosiddetto First e Second Level Support dentro la propria azienda. In tal caso impiegherete collaboratori IT che potranno risolvere la maggior parte dei problemi relativi al vostro hardware e software. Tuttavia, la vostra azienda non sarà mai completamente indipendente. Dopo tutto, dipendete ancora da fornitori esterni per molti servizi: ad esempio, il computer proviene da HP o Apple, il sistema operativo Windows da Microsoft e Photoshop da Adobe. In caso di ulteriori problemi, dovrete chiedere aiuto agli specialisti di questi fornitori di servizi. Tuttavia, avrete specialisti inhouse ai quali i vostri collaboratori potranno rivolgersi in prima istanza e risolveranno la maggior parte dei problemi in modo efficiente e autonomo.

Opportunità di un IT interno

  • Probabilmente i vostri collaboratori hanno elaborato i sistemi da soli. Questo vi fornisce un importante know-how informatico all’interno della stessa azienda e non dovete ricorrere a un fornitore di servizi esterno.
  • Se la vostra organizzazione ha il proprio personale IT, a seconda del problema può reagire più rapidamente di un partner esterno. 
  • Se la vostra azienda è già di una certa dimensione, tenere il vostro reparto IT probabilmente costerà meno rispetto ad acquistare esternamente l’intera infrastruttura.
  • Con una soluzione interna, la vostra organizzazione ha un maggiore controllo sui dati sensibili, ad esempio, se l’hosting è effettuato in un centro di calcolo sui vostri server. Tuttavia, molte aziende ormai preferiscono mettere al sicuro i propri dati in un cloud.

Rischi delle soluzioni IT interne

  • Gran parte della responsabilità ricade sul reparto IT interno: se sorge un problema che i collaboratori IT non sono in grado di risolvere subito, è necessario un aiuto esterno. Fino al suo arrivo, potrebbe volerci del tempo. 
  • Per essere in grado di fornire tutti i servizi, sono necessari più collaboratori con profili diversi. Tali servizi includono un supporto ininterrotto, ma anche diverse ambiti IT.
  • In questo contesto, anche l’assenza per malattia e il licenziamento dei collaboratori IT possono comportare dei rischi. Se non si trova immediatamente un sostituto possono verificarsi delle falle, cosa che non avviene con una soluzione esterna.
  • Il software e l’hardware non vengono quasi mai sviluppati internamente, ma è quasi sempre necessario ricorrere a un fornitore esterno. PostFinance, ad esempio, offre ai propri clienti commerciali un utile tool di contabilità chiamato Il link si apre in una nuova finestra SmartBusiness.

Individuare le persone giuste

Il vostro IT dipende interamente dal vostro personale. Cosa occorre considerare e come individuare le persone giuste? Ad esempio, come trovate il giusto responsabile IT se disponete di scarse conoscenze informatiche? Naturalmente, potete cercare voi stessi le persone giuste per le posizioni IT o lavorare con un’agenzia di intermediazione specializzata in tal senso. Chi sceglie un intermediario deve pagare le spese di terzi, ma può anche usufruirne anche come partner specializzato durante i colloqui di presentazione. Potrebbe anche essere utile assumere un consulente esterno per mettere in piedi la struttura IT, soprattutto se voi o il vostro management non avete l’esperienza necessaria.

Se decidete di coprire in larga misura internamente i servizi IT, ciò comporta sia opportunità che rischi. In definitiva, è una questione di ponderazione e preferenze personali. Non importa cosa decidete: in entrambi i casi, non bisogna sottovalutare i costi e reclutare con attenzione, che si tratti dei propri collaboratori o di fornitori esterni.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi