La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Tempo di lettura 5 Minuti Tempo di lettura 5 Minuti
Creato il 17.12.2018

La mia idea può farcela? L’analisi di mercato

Anche la miglior idea commerciale del mondo è condannata al fallimento, se a monte non ha un’analisi minuziosa della situazione dei mercati. Ecco perché un’analisi di mercato sistematica è la chiave del successo. Infatti, una valutazione di questo tipo fornisce delucidazioni sulle condizioni di mercato, la concorrenza, i concorrenti diretti e i potenziali clienti.

La mia idea commerciale risponde a un bisogno? Questa domanda dovrebbe essere il preludio di ogni costituzione d’impresa. Per questo, se siete alle prese con un business plan, è importante raccogliere informazioni sul settore, i concorrenti e i clienti e valutarli nell’ottica di un’analisi di mercato a tutto tondo. L’analisi di mercato consiste di tre analisi parziali vere e proprie. L’analisi della competitività scandaglia il mercato e le sue condizioni. L’analisi della concorrenza prende in esame i concorrenti sul mercato. Infine, vengono analizzati i clienti e i loro bisogni. Tutto questo con l’obiettivo di distinguere la propria azienda dalle altre – e, in ultima analisi, avere successo.

L’analisi della competitività: imparate a conoscere ciò che vi circonda

Ogni settore ha le sue personalissime peculiarità. Le condizioni cambiano a seconda della concorrenza, delle barriere all’ingresso sul mercato e del potere negoziale di clienti e fornitori. Per conoscere e imparare a capire queste condizioni, un’analisi a monte della competitività è parte integrante di ogni analisi di mercato. Ma dove trovare le informazioni corrispondenti? Non è necessario commissionare subito un’indagine di mercato, generalmente costosa per i fondatori. Esiste tutta una gamma di dati liberamente accessibili che possono esservi d’aiuto nell’analisi. Ad esempio, consultate le associazioni di categoria, economiche o professionali o l’Ufficio federale di statistica per accedere ai risultati degli studi, oppure cercate articoli online e nei media sulle tendenze del settore. Anche gli istituti specializzati e le scuole universitarie professionali sono buoni punti di contatto da cui ricevere informazioni. Nella vostra analisi della competitività, però, non fidatevi solo di numeri e studi. Se possibile, richiedete anche il parere dei conoscitori del settore. Durante un colloquio personale, questi potranno descrivere le loro esperienze personali e azzardare delle ipotesi.

L’analisi della competitività dovrebbe fornirvi risposte a domande come:

  • A quanto ammonta il potenziale di mercato?
  • A quanto ammonta il tasso di crescita?
  • Quali sono gli attuali vuoti di mercato?
  • Quali sono le esigenze ancora non coperte?
  • Quali tendenze del mercato sono riconoscibili?

Analisi della concorrenza: le debolezze dei vostri concorrenti possono diventare i vostri punti di forza

Uno dei motori fondamentali del mercato libero è la concorrenza tra gli operatori del mercato. Pertanto, dovreste capire quali intenzioni e obiettivi perseguono gli altri concorrenti e comprendere come agiscono. Per farlo, può essere utile un’analisi della concorrenza. Al suo interno non conta solo scoprire chi sono i concorrenti diretti e indiretti, bensì anche sapere qual è il loro posizionamento, il posto che occupano sul mercato e i loro gruppi target. Inoltre, i punti di forza e di debolezza dei concorrenti sono presi in esame da vicino mediante la cosiddetta «analisi SWOT». Spesso non è affatto semplice valutare i propri concorrenti. Infatti, e ciò è particolarmente vero per le piccole aziende, questi non pubblicano né fatturati, né quote di mercato, per non parlare di margini e utili. Nonostante questo, rapporti di gestione, opuscoli, documentazione aziendale, siti web e riviste per i clienti possono fornire un buon quadro d’insieme dell’azienda.  Frequentate le fiere specializzate e pubbliche per raccogliere materiale informativo e condurre colloqui con i rappresentanti del settore, acquistate presso la concorrenza, testate i suoi prodotti o richiedetele un preventivo. Confrontate i prodotti e i servizi della concorrenza, fino ai dettagli. Ad esempio: quanti negozi ci sono nei paraggi? A quale gruppo di clienti si rivolge la concorrenza? Le conoscenze sugli altri competitors, acquisite con l’analisi della concorrenza, vi aiuterà a definire il vostro posizionamento sul mercato e a sviluppare una strategia efficace. Sfruttate in modo mirato le debolezze degli altri operatori a vostro vantaggio e trasformatele nei vostri punti di forza.

Un’analisi a tutto tondo della concorrenza vi fornisce risposte a domande come:

  • Quale assortimento possiedono i miei concorrenti?
  • Quali differenze ci sono tra le offerte della concorrenza?
  • Come fa la concorrenza a coprire le esigenze della clientela?
  • In che modo la mia offerta si differenzia da quella della concorrenza?
  • Quali sono i prezzi della concorrenza?
  • Quali condizioni di pagamento offrono i concorrenti (Tra queste ci sono, ad esempio, sconti, promozioni, garanzie, opzioni di pagamento)?
  • Con quali strumenti lavora la concorrenza?
  • In che modo i miei concorrenti distribuiscono i propri prodotti (Negozi tradizionali propri, shop online, centri commerciali, intermediari ecc.)?
  • Quali fattori vanno considerati a proposito dell’intermediazione commerciale (Monopoli, contratti, margini ecc.)?
  • Quali trend sono riconoscibili nei settori dell’offerta, del prezzo, della prospezione commerciale e della distribuzione?

Analisi dei clienti: chi sono i vostri clienti, e quali sono le loro esigenze?

Sostanzialmente, saranno le esigenze dei clienti a determinare il successo o il fallimento della vostra idea commerciale sul mercato. La gente acquista il vostro prodotto o il vostro servizio? Considerate chi potrebbero essere i vostri potenziali clienti e quali potrebbero essere le loro esigenze. Riflettete in modo molto concreto su chi volete raggiungere con la vostra offerta, chi sono i vostri gruppi target e quali sono le loro esigenze di clienti. Non si tratta solo di determinare caratteristiche demografiche come l’età, il genere, il reddito o il luogo di residenza del gruppo target definito, ma anche di scoprire quali sono i loro valori, le loro preferenze e le loro possibili abitudini di acquisto. Queste conoscenze vi aiuteranno a raggiungere possibili acquirenti e a indirizzare le vostre misure di marketing nel modo più efficace possibile. Mentre all’inizio, a causa della mancanza di dati empirici, il gruppo target rimane qualcosa di astratto, in un secondo momento, le informazioni importanti risultanti dai sondaggi ai clienti e dalle valutazioni online possono aiutarvi a scoprire di più su di esso. Tutto ciò può anche far sì che la definizione del gruppo target vada modificata.

L’analisi dei clienti vi aiuta a rispondere alle seguenti domande:

  • Chi deve acquistare i miei prodotti e servizi? E chi li acquista già?
  • Perché vengono acquistati?
  • Quali sono le abitudini di acquisto degli acquirenti?
  • Quali tendenze si osservano (Servizio di ritiro, Same Day Delivery, DIY, modalità di pagamento, idea di qualità ecc.)?

Un’analisi accurata è la chiave del successo

Un’analisi di mercato accurata è l’ABC di ogni costituzione d’impresa. Solo chi possiede abbastanza informazioni sul mercato, la concorrenza e i clienti e le sottopone a un’analisi approfondita può posizionarsi con successo sul mercato, sviluppare una strategia propria e assicurare uno sviluppo duraturo alla sua attività. Per questo, non è necessario iniziare subito con una ricerca di mercato su vasta scala. Anche con un budget piccolo è possibile trovare molte informazioni liberamente accessibili, che permettono di riconoscere le colonne portanti del mercato. Le singole informazioni dell’analisi di mercato compongono una visione di insieme completa.

La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Grazie per la valutazione
Valutare l’articolo

Altri argomenti che potrebbero interessarvi