Studi WCM attuali

Rilevazione sistematica del WCM in Svizzera

Al fine di esaminare l’attuale livello di performance delle aziende svizzere nell’ambito della gestione del capitale circolante (WCM), l’SCF Lab conduce periodicamente uno studio di benchmark presso l’Università di San Gallo, in cui, oltre a un tema centrale, vengono analizzati gli indici classici e i processi nei settori parziali WCM quali debitori, creditori, liquidità e scorte.

Studio WCM 2018

L’edizione 2018 si concentra sul tema della Supply Chain Finance, ampliando la prospettiva su tutti gli aspetti legati alla supply chain. Nello specifico l’accento è posto su quale attore (ad es. operatori logistici o fornitori) nella supply chain finanzia cosa (ad es. scorte o crediti) e con quale strumento finanziario (ad es. reverse factoring o dynamic discounting).

Soluzioni SCF innovative cambiano radicalmente il volto della gestione del capitale circolante (WCM), promettendo non soltanto un miglioramento degli indici di bilancio e dei costi di finanziamento, ma anche una riduzione dei rischi e una maggiore trasparenza nell’arco dell’intera supply chain.

Quali soluzioni Supply Chain Finance sono però particolarmente rilevanti per il WCM delle aziende svizzere? Quali sono le principali problematiche da affrontare in sede di elaborazione di un business case SCF? Quali potenzialità si celano nelle singole soluzioni SCF e in che misura queste ultime contribuiscono a far fronte ai requisiti in continua evoluzione posti al WCM?

Grazie a un esclusivo metodo d’indagine, per la prima volta è possibile riscontrare l’impatto quantitativo prodotto sulla clientela e sui fornitori dalle misure WCM interaziendali di aziende svizzere rappresentate nel SPI.

  • Digitalizzazione

    L’edizione 2017 è incentrata sul tema della digitalizzazione nel WCM e su quesiti fondamentali come: in quali ambiti risiede concretamente il potenziale della digitalizzazione? Quali aspettative hanno le aziende nei confronti della digitalizzazione? Chi è responsabile della digitalizzazione all’interno dell’azienda? Quale approccio di implementazione viene scelto? E quanto hanno già investito le aziende? Lo studio indica come si posizionano le aziende svizzere a questo riguardo. Inoltre, sulla base di brevi casi di studio (ad es. FFS, ABB e Roche), vengono illustrate applicazioni concrete per la digitalizzazione nel WCM.

  • Al centro dell’edizione 2016 vi sono i cambiamenti e le tendenze attuali. Si parla molto di Big Data o delle imprese fintech, ma queste tendenze interessano davvero anche le imprese svizzere? Inoltre, le imprese adeguano in tal senso la propria gestione del capitale circolante? Lo studio WCM 2016 affronta queste e altre tematiche, riallacciandosi dal punto di vista dei contenuti alle edizioni dei due anni precedenti, in cui era stato illustrato il livello delle prestazioni WCM delle aziende svizzere.

  • La prosecuzione dello studio condotto per la prima volta nel 2014 riprende gli attuali sviluppi WCM confermandone l’importanza. E questo non solo in tempi di franco forte e per i grandi gruppi.

    Gli indici quantitativi come il ciclo cash-to-cash o i costi complessivi WCM vengono integrati con fattori qualitativi. Inoltre, vengono presi in esame il radicamento strategico e organizzativo del WCM così come i quattro settori d’intervento order-to-cash, forecast-to-fulfill, purchase-to-pay e credit-to-interest.

  • Studio dettagliato sul WCM degli ospedali svizzeri

    Il Management Summary riassume i risultati principali di uno studio comparativo condotto presso gli ospedali svizzeri. Esso si rivolge, da un lato, agli ospedali e, dall’altro, alle associazioni ospedaliere, ai fornitori di servizi ospedalieri nonché ai Cantoni e a potenziali creditori. Lo studio analizza gli aspetti legati a rilevanza, grado di maturità, potenziale e possibilità di miglioramento. Attualmente il Management Summary è disponibile soltanto in lingua tedesca.

Altri argomenti che potrebbero interessarvi