La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 3 Minuti Tempo di lettura 3 Minuti
Creato il 08.04.2019

«Perché non cerco campioni per il mio team»

Non è alla ricerca di campioni ma piuttosto di artisti dell’informatica, entusiasti della tecnologia, pensatori trasversali e inventori: Mathias Herzog è responsabile team Linux Engineering presso PostFinance. In questo articolo ci spiega, dal suo personale punto di vista, come intende comporre il suo team.

Negli ultimi mesi il mio feed LinkedIn è pieno di offerte d’impiego per campioni di DevOps, campioni di agilità, campioni di innovazione, campioni di organizzazione e chi più ne ha più ne metta. Verrebbe quasi da pensare che oggi il mondo del lavoro sia occupato solo da specialisti di alto livello intenti a raggiungere tutti lo stesso obiettivo: essere i primi nel loro settore. Programmati per dare sempre il massimo, caratterizzati da un’ambizione sfrenata e dall’inconfessabile desiderio di lasciare tutti indietro. Perché sono proprio queste le caratteristiche che definiscono un campione: avere l’aspirazione di essere i numeri uno e dare il massimo per guadagnarsi il podio e sollevare la coppa, sia nello sport agonistico sia nel gioco amatoriale. Essere un campione significa non solo essere il migliore, ma darne anche sfoggio e autocelebrarsi.

Lavoro di squadra: la varietà è la chiave del successo

È un’ambizione importante in molti settori perché dà lode e riconoscimento, promuove la motivazione e rafforza la fiducia in se stessi. Ma io non voglio un team di cavalieri solitari, in perenne competizione tra loro e pronti a esaurire tutte le loro energie solo per primeggiare. Il mio team deve essere una cornucopia di personalità diverse. Ho bisogno di specialisti, ricercatori, pensatori trasversali, performer, ingegneri, inventori, leader, apprendisti, architetti, artisti, entusiasti e molto altro. Solo con questo mix potremo offrire, come team, prestazioni elevate, affermarci nell’agile panorama tecnologico, svilupparci e distinguerci dalla massa.

Cercare perle anziché campioni

Per questo mi sento di dare un consiglio a chi lavora allo sviluppo del proprio team di campioni: cercate gli artisti informatici, gli entusiasti della tecnologia, gli inventori e i pensatori trasversali nel vostro settore. Oppure anche dei normalissimi ingegneri, specialisti con una formazione di alto livello, perle con preziose caratteristiche caratteriali che completano alla perfezione il vostro team.

Mathias Herzog è responsabile team Linux Engineering presso PostFinance. Questo articolo è disponibile anche nel suo Il link si apre in una nuova finestra profilo LinkedIn.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi