La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 2 Minuti Tempo di lettura 2 Minuti
Creato il 22.01.2019

Il lavoro agile come approccio mentale

Nel settore dell’informatica le procedure agili sono una realtà già da diversi anni. In futuro, presso PostFinance ogni collaboratore lavorerà in modo agile. In questo articolo Beat Friedli, coach e docente di procedure agili presso PostFinance, descrive questo tema dal suo punto di vista.

Sempre più aziende puntano su procedure agili come Il link si apre in una nuova finestra Scrum o Il link si apre in una nuova finestra Kanban. Questo modo di lavorare è rapido, stimola la creatività e genera più innovazioni. Inoltre, il lavoro agile è molto più divertente, perché ogni singolo può fare di più.

Collaborare è sempre più importante

Il lavoro agile non è un vero e proprio metodo, ma un approccio mentale. Personalmente ho notato che questo modo di lavorare fa fiorire quei collaboratori e quelle collaboratrici che vogliono contribuire con il loro impegno a raggiungere molti traguardi. Proprio nei team piccoli, infatti, i collaboratori e le collaboratrici delle aree business e IT lavorano a stretto contatto. Ed è proprio questo il punto. Con i nuovi strumenti di collaborazione, tutti i collaboratori del progetto vedono immediatamente i risultati ottenuti dal team e il contributo di ogni singolo individuo. Questo è allo stesso tempo uno stimolo e una sfida: le nuove idee possono essere subito attuate e testate, tuttavia tutti vedono anche chi non ha fornito il proprio contributo.

Il time-to-market richiede procedure agili

Oggi gli informatici non devono solo conoscere il business, ma anche capire il cliente. Noi non sviluppiamo software, ma prodotti che servono al cliente per gestire le proprie finanze in tutta semplicità. E questo è un concetto che devono interiorizzare anche gli sviluppatori di software e gli architetti IT. Il mio compito è trasmettere questo approccio mentale anche agli specialisti di altre sezioni, affinché il lavoro agile venga consolidato in tutta l’azienda. Solo se i manager prodotti, gli informatici, i market manager e gli specialisti della comunicazione collaborano agilmente nel team i nostri prodotti arrivano sul mercato il prima possibile, come si richiede nel settore finanziario, che vive una digitalizzazione vertiginosa. Credo che questa sia la strada giusta per noi di PostFinance. In futuro, i nerd e chi non guarda mai al di là del proprio orticello incontreranno difficoltà ovunque.

Informazioni su Beat Friedli

Portrait Beat Friedli

Coach e docente di procedure agili, Beat Friedli è responsabile della tecnologia software presso PostFinance. È un convinto sostenitore della metodologia di lavoro agile e sa mettere in pratica la sua esperienza in questo settore in diversi ambiti aziendali.

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi