La valutazione media di questa pagina è di %r di massimo cinque stelle. In totale sono presenti %t valutazioni.
Valutazione (%t)
Tempo di lettura 2 Minuti Tempo di lettura 2 Minuti
Creato il 22.01.2019

Ecco come PostFinance promuove le innovazioni

Lungo il percorso di evoluzione in Digital Powerhouse, PostFinance promuove le innovazioni. Mathias Strazza, responsabile Future Banking presso PostFinance, ci mostra tre colonne portanti di una gestione innovazioni in grado di pensare fuori dagli schemi.

Pilastro 1: il processo che ordina e dirige le innovazioni

Non tutte le idee sono sotto il naso di tutti. Non tutte le idee sono degne di essere portate avanti. E non tutte le idee possono essere elaborate allo stesso modo. Ecco perché PostFinance punta su un processo di innovazione strutturato che ordina e indirizza le innovazioni. In linea di massima, l’istituto finanziario distingue tra tre orizzonti, a seconda del grado di innovazione e/o degli effetti sul proprio core business.

  • Orizzonte 1: in questo livello si attuano progetti finalizzati a sviluppare ulteriormente le offerte esistenti nel core business e a migliorarle (ad es. nuove funzioni in e-finance).
  • Orizzonte 2: in questo livello si sviluppano le offerte digitali in settori vicini al core business, che agevolano la trasformazione di PostFinance in Digital Powerhouse (ad es. una procedura di login digitale via fingerprint e riconoscimento facciale e senza apparecchio di lettura giallo).
  • Orizzonte 3: in questo livello si sviluppano nuovi settori di attività e modelli operativi esterni all’attuale core business. Questi progetti hanno carattere sperimentale e di pilota (ad es. il progetto blockchain «B4U» di PostFinance ed Energie Wasser Bern).

Pilastro 2: il PFLab: luogo, team e filosofia in un unico progetto

Con il PFLab, PostFinance ha creato un laboratorio dell’innovazione in grado di scoprire ed elaborare le innovazioni dell’orizzonte 3. Il PFLab è un luogo che si distingue per un’ambiente alternativo, creativo, aperto e stimolante. E non solo: il PFLab è un’organizzazione, una struttura e un team, al cui interno, insieme ai collaboratori di PostFinance, ma anche alle startup, alle università e ad altre aziende, si sostengono, affiancano e realizzano esperimenti e progetti pilota su temi avveniristici. Anche il radicamento in azienda è fondamentale per il PFLab, che infatti offre alle altre sezioni workshop su temi diversi e possibilità di discussione. In fin dei conti, infatti, nel migliore dei casi le innovazioni dell’orizzonte 3 confluiscono negli orizzonti 2 e 1 e coinvolgono quindi i livelli specializzati di PostFinance. A proposito: a fine 2018 il PFLab ha festeggiato il suo terzo compleanno.

Pilastro 3: la collaborazione con soggetti esterni per ampliare le prospettive

Per trovare prospettive e approcci risolutivi che vadano al di là della propria azienda è necessario attingere a nuove fonti. PostFinance è convinta che il coinvolgimento di know how esterno potenzi la forza innovativa, e dunque ricorre a diversi partner esterni, università e scuole universitarie, altre aziende o startup, e a forme diverse di collaborazione, collaborazioni in partenariato, acquisizioni o partecipazioni, per individuare, verificare e attuare progetti innovativi promettenti e/o acquisire nuove conoscenze e nuovi modelli operativi. In questo contesto si parla anche di Open Innovation, ossia dell’apertura del processo d’innovazione al di là dei confini dell’azienda per scoprire nuovi problemi e nuove esigenze, definire possibili campi di ricerca per le innovazioni e derivarne nuove soluzioni.

Informazioni su Mathias Strazza

Profil Mathias Strazza

Mathias Strazza è responsabile Future Banking di PostFinance. Nell’ambito della sua funzione dirige le tre sezioni PFLab e Innovation, Corporate Venturing e Growth Areas e Projects. 

Per la pagina è possibile esprimere una valutazione da una a cinque stelle. Cinque stelle corrisponde alla valutazione massima.
Valutazione (%t)

Altri argomenti che potrebbero interessarvi